DIRETTA/ Chievo-Juventus live (Serie A): segui e commenta la partita in temporeale

Chievo-Juventus è la partita più interessante tra quelle che si giocano alle 15 di questa settima giornata di Serie A. La diretta di Chievo-Juventus live in temporeale

16.10.2011 - La Redazione
alessandro_matri_r400-1
Alessandro Matri (Foto: ANSA)

Chievo-Juventus è la partita più interessante tra quelle che si giocano alle 15 di questa settima giornata di Serie A. Il Chievo di Mimmo di Carlo ha fatto una buona partenza e in particolare ha mietuto punti con squadre blasonate. A otto punti i clivensi possono certamente puntare a un campionato di relativa tranquillità, a patto di continuare a rosicchiare punti, specie in casa, contro chiunque. Juventus compresa. La Juventus di Conte dal canto suo, forte dei suoi undici punti e dei risultati degli anticipi di ieri sogna l’allungo. Con una vittoria staccherebbe due delle tre inseguitrici a dieci punti e potrebbe cominciare a mettere una grande pressione a chi ha più di un fronte con cui cimentarsi quest’anno. Per la Juventus il campionato è tutto e può dedicarvi il 110% delle proprie energie. Naturalmente se Chievo-Juventus terminasse con un pareggio i due punti persi sarebbero tutti di Conte, che a questo punto non potrebbe far altro che rilanciare in attesa della prossima gara…
Il Chievo di Di Carlo si prepara ad accogliere al Bentegodi la Juventus senza particolari problemi in organico. Unico dubbio l’impiego di Bradley o Vacek a centrocampo, mentre il resto del 4-3-1-2 clivense pare già disegnato. Il Chievo contro la Juventus dovrà dimostrare che la buona capacità di difendere la propria porta (leggi “fare barricate”) può reggere l’urto del 4-2-4 di Conte e dimostrarsi più efficaci nelle ripartenze di quanto non abbiano fatto fino ad oggi in campionato. La squadra è comunque in un momento di non splendida forma da quel punto di vista dopo il deludente 0-0 esterno scorso, ma in casa – sappiamo – che si sa trasformare e ha un rendimento decisamente superiore. Oggi potrebbe non partire dall’inizio Moscardelli, uno dei più prolifici attaccanti gialloblù, e anche uno di quei giocatori che cercano di più la conclusione. A centrocampo ci sarà Hetemaj a cui sarà chiesto oltre che di impegnare Buffon con i suoi tiri da lontano, anche di infastidire Andrea Pirlo fonte del gioco bianconero, come lo fu di quello rossonero. Vedremo se ci riuscirà o se la pressione di Giaccherini e Pepe costringerà lui e Bradley a dar piuttosto manforte agli esterni difensivi lasciando a Sammarco il doppio lavoro (anzi triplo) di soffocare la manovra di Pirlo e Marchisio e di innescare Thereau e Pellissier.
La Juventus di Conte arriva all’appuntamento con il Chievo senza Del Piero (panchina) e Quagliarella (non convocato). Torna la coppia Vucinic e Matri a cercare di sfondare il bunker clivense, mentre potrebbe essere la volta buona per vedere in campo il paraguaiano Estegarribia (per la gioia, immaginiamo, anche di Larissa Riquelme). Difesa confermatissima per Conte che non si fida a pasticciare troppo in un campo infido e dove ha richiamato la sua Juventus a fare il salto di qualità. E’ contro le piccole che si vincono i campionati e la trasferta contro il Chievo è emblematica per chi vuole arrivare in fondo. Il divario statistico tra Chievo e Juventus è impressionate, con i clivensi abituati a subire e ripartire come poche squadre in questo campionato e di contro la Juventus abituata a una supremazia territoriale e a una grande velocità nella circolazione di palla (facilitata, anzi originata, ancor più dal grande atletismo e dalla corsa che dalla classe delle geometrie dei singoli). due filosofie opposte in una partita comunque aperta anche alle sorprese. Il verdetto lo darà tra poco il campo: Chievo-Juventus sta per cominciare…

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori