CALCIOMERCATO/ Juventus, Quagliarella non si vende: il diktat di Antonio Conte

- La Redazione

Antonio Conte vuole testare Fabio Quagliarella durante il prossimo mese in vista degli impegni a cui è chiamata la Juventus. In partenza invece Toni, Iaquinta e Amauri

Quagliarella_R400_5ott10
Fabio Quagliarella (Ansa)

CALCIOMERCATO – Un mese, è questo il tempo che avrà a disposizione Fabio Quagliarella, attaccante della Juventus, per convincere la dirigenza di corso Galileo Ferraris, ma soprattutto l’allenatore Antonio Conte, a credere ancora in lui per la seconda metà della stagione. «Ho letto che molti di voi si stanno preoccupando della mia salute: state tranquilli, sto benissimo! Sia fisicamente che… psicologicamente!». Queste le parole scritte dal bomber napoletano sul proprio profilo Facebook, un messaggio promettente che fa capire come la voglia di lasciarsi alle spalle l’infortunio, le chiacchiere e il mercato, sia fortissima per il giocatore originario di Castellamare di Stabia. Quagliarella è un vero e proprio pupillo di Antonio Conte nonostante la manciata di minuti giocati in questo primo scorcio di stagione 2011-2012. Si mormora infatti che il salentino abbia bloccato l’idea dell’amministratore delegato Beppe Marotta di immettere sul mercato l’ex Napoli e Udinese per ottenere un po’ di moneta da reinvestire in altre operazioni. L’allenatore della Vecchia Signora ha bisogno di alternative all’altezza di Alessandro Matri e Mirko Vucinic e sa che non può fare affidamento sul solo Del Piero. C’è da conquistare uno scudetto ma soprattutto un piazzamento in Champions League in vista della prossima stagione che significa obbligatoriamente dal terzo posto in su. Gli occhi dell’ex tecnico del Siena saranno quindi tutti puntati sul buon Fabio in questi giorni tenendo conto in particolare del big match in programma a fine novembre, il 29, contro la sua Napoli, squadra che ha lasciato durante l’estate del 2010 non senza poche polemiche. Milan, Udinese, Genoa e Villarreal hanno già bussato alle porte di corso Galileo Ferraris ma i dirigenti bianconeri hanno risposte picche. L’idea è quella infatti di cercare di trattenere Quagliarella, naturalmente se i prossimi test saranno positivi, liberandosi invece del trio Toni, Iaquinta e Amauri. Confermare l’attaccante partenopeo permetterebbe infatti alla Juventus di concentrarsi su un esterno offensivo, senza dover ricorrere sul mercato per rimpolpare il reparto d’attacco. Fra gli esuberi di cui sopra sembrerebbero già iniziate le manovre di addio di Vincenzo Iaquinta. L’entourage del campione del mondo 2006 ha già infatti iniziato a sondare qualche pista in questi giorni e fra le tante c’è l’idea di uno sbarco a Napoli. Ai partenopei piace anche Luca Toni, visto che gli azzurri cercano una punta di peso che possa sostituire Cavani.

Il più incerto appare infine Amauri che piace in Francia e Inghilterra ma che vorrebbe il Milan o il Palermo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori