CALCIOMERCATO/ Juventus, Toni e Grosso via subito, Krasic a giugno

- La Redazione

La dirigenza della Juventus è molto attiva non solo sul piano della campagna acquisti ma anche e soprattutto per quella delle cessioni. Pronti gli addii di Grosso e Toni.

matri_grosso_R400_3apr11
Alessandro Matri (foto Ansa)

La dirigenza della Juventus è molto attiva non solo sul piano della campagna acquisti ma anche e soprattutto per quella delle cessioni. I dirigenti bianconeri vogliono assolutamente cedere quei giocatori che non rientrano nei piani di Conte, alcuni di loro hanno ingaggi molto pesanti per il bilancio bianconero. Se per Quagliarella c’è il veto del tecnico pugliese che non vuole perdere a gennaio, per i vari Toni, Grosso, Sorensen, Iaquinta, il destino è già segnato. Luca Toni potrebbe presto terminare la sua breve esperienza in bianconero iniziata a gennaio scorso. Allora la squadra guidata da Delneri, dopo l’infortunio grave di Quagliarella, aveva bisogno di una punta importante e Marotta decise di puntare su Toni che vestiva la maglia del Genoa. Contratto principesco per il bomber modenese, ex capocannoniere della Serie A con la maglia della Fiorentina e della Bundesliga con la maglia del Bayern Monaco. Nella scorsa stagione 14 presenze per Toni e due gol, un bottino misero, anche a causa di problemi fisici che hanno rallentato il suo ambientamento a Torino. Quest’anno invece ancora nessun minuto giocato. Si è parlato molto del futuro di Toni qualche settimana fa visto che si è parlato di Milan e Napoli decise a dare un’occasione al centravanti della Juventus. Per il momento resiste la candidatura del Napoli. La Juventus si priverebbe volentieri del contratto di Toni che è anche un grande peso nel bilancio della società bianconera. Anche Fabio Grosso dovrebbe andare via a gennaio. Il terzino della Juventus, Campione del Mondo (come Toni, ndr) nel 2006 con l’Italia di Lippi, è ormai un corpo estraneo nella rosa di Conte. Grosso ha diverse proposte dal Dubai, al giocatore alletta un’esperienza all’estero soprattutto dal punto di vista economico. La Juventus di certo non bloccherebbe il giocatore romano. Chi invece potrebbe restare è Milos Krasic, ma l’addio del serbo potrebbe essere solo rimandato. Krasic infatti vorrebbe convincere Conte a puntare nuovamente su di lui, la dirigenza bianconera vuole capire se il serbo sarà capace di ritornare sui livelli della prima parte della scorsa stagione. Niente cessione a gennaio, ma a giugno le cose potrebbero cambiare, anche perchè Conte non è contento delle sue prestazioni.

A giugno però Krasic potrebbe anche avere più mercato magari grazie a qualche prestazione importante. I bianconeri vogliono ritornare in parte dall’investimento fatto in passato per strapparlo al Cska Mosca.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori