CALCIOMERCATO/ Juventus, Borriello “contro” Matri per una maglia da titolare?

- La Redazione

Neanche il tempo di aprire il calciomercato e la Juventus ha già messo a segno i suoi primi colpi. Borriello e Caceres sembrano cosa fatta, ma per l’ex-Milan c’è concorrenza

Quagliarella_R400_5ott10
Fabio Quagliarella (Ansa)

Neanche il tempo di aprire il calciomercato e la Juventus ha già messo a segno i suoi primi colpi. Borriello e Caceres, entrambi ad un passo dall’ufficialità, arrivano a rinforzare una rosa che, senza gli impegni di Champions League viaggia a vele spiegate in campionato ed occupa la prima piazza in coabitazione contro il Milan. Credere allo scudetto è d’obbligo e per questo motivo Marotta ha lavorato d’anticipo mettendo a segno due colpi importanti in uno scacchiere tattico come quello di Conte, in cui il collettivo viene prima delle comunque indiscutibili individualità. Non è tutto oro quello che luccica però, perché per un Borriello che arriva e degli Amauri, Iaquinta e Toni che escono, c’è comunque un Quagliarella che rimane al servizio del tecnico bianconero ma che fatica a trovare spazio e non può certamente sorridere all’arrivo dell’attaccante ex-Milan e (a breve) Roma. Se Del Piero, dall’alto del suo status di bandiera juventina, può comunque assurgere al ruolo di leader silenzioso e uomo di fiducia di Conte, stesso discorso non può essere fatto per l’attaccante stabiese che, fuggito da Napoli per non rischiare di riscaldare la panchina, si trova ora a fare i conti con i suoi peggiori incubi in una Torino mai così fredda dal suo arrivo. Eppure il buon Fabio non ha mai demeritato, anche in questa stagione, pur venendo utilizzato con il contagocce è comunque riuscito a mettere a referto una rete (contro il malcapitato Novara) nell’unica apparizione dal primo minuto. D’altro canto nemmeno l’infortunio può essere una scusante valida, il giocatore appare infatti pienamente recuperato ed utilizzabile come lo stesso Conte ha più volte ammesso. Dunque per quale motivo non viene messo sul calciomercato? La risposta è presto data: la Juventus, nella figura del suo allenatore, continua effettivamente a ritenerlo incedibile ed a resistere alle continue offerte pervenute in Corso Galileo Ferraris. Questo perché nelle idee tattiche di Conte, Quagliarella rimane un perno inamovibile e l’arrivo di Borriello non viene a togliergli ulteriore spazio. L’attaccante napoletano, infatti, è più che altro un sostituto di Matri e svolgerà il ruolo di prima punta con il “Quaglia” che dovrà giocarsi la titolarità con il montenegrino Vucinic. Quattro punte per due posti dunque, con 6 mesi di campionato ancora da giocare. 

Tutto il tempo per mostrare le sue qualità e dare un contributo nella rincorsa al tricolore della Vecchia Signora. Una sfida affascinante e stimolante, soprattutto considerando che dalla primavera in poi, la stanchezza e il logorio estenuante del campionato inizieranno inevitabilmente a tagliare le gambe ai titolarissimi di Conte, costringendo il tecnico salentino ad operare un po’ di sano turn over.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori