CALCIOMERCATO / Lazio Juventus, ag. Zarate: lo stanno facendo giocare terzino, così si rovina…

- La Redazione

Duro sfogo del fratello procuratore dell’argentino. E il futuro dell’attaccante biancoceleste si fa sempre più incerto. Che i bianconeri ne approfittino?  

zarateR375_24set08
Mauro Zarate (Foto Ansa)

Tra Mauro Zarate e la Lazio continuano le frizioni. Nonostante Edy Reja abbia ridato una maglia da titolare all’argentino, il giocatore continua a non gradire la situazione in casa biancoceleste. Stavolta le lamentele arrivano dal suo clan e precisamente dal fratello Sergio, che è anche il suo procuratore. E riguardano il ruolo in cui l’attaccante ha giocato domenica sera contro il Palermo.

Uno sfogo, quello dell’agente, che non farà di certo piacere al presidente Lotito e al tecnico stesso. E che riapre inevitabilmente interrogativi sul futuro di Zarate: la Juventus lo cerca, si sa, così come molti club esteri, Liverpool in testa. Riuscirà la Lazio a resistere all’assalto delle pretendenti nella prossima finestra di calciomercato? E soprattutto, il giocatore sarà contento di rimanere biancoceleste?

“Non ho ancora parlato con Maurito – ha dichiarato il fratello di Zarate a Radio Manà Manà – ma personalmente non sono contento della posizione nella quale ha giocato contro il Palermo. Mio fratello non è un terzino, domenica ha giocato a 5 metri da Radu, la maggior parte delle volte era vicino alla porta di Muslera. In questo modo non rivedremo mai il vero Zarate, così lo distruggono calcisticamente”. Frasi forti, che forse rilanciano l’ipotesi di una fuga a giugno. La Juventus non aspetta altro.

CLICCA QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE DI JUVENTUS, LAZIO E ZARATE

Lo stesso Sergio Zarate ha poi parlato anche del futuro della star argentina. “Abbiamo ancora 3 anni di contratto con la Lazio e intendiamo rispettarlo, a meno che non arrivi una squadra pronta a fare un business con Lotito. Questo è un altro discorso”. Insomma, se la Juventus o un’altra squadra bussasse decisa alla porta della Lazio, l’affare si potrebbe fare. Capito Marotta?



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori