CALCIOMERCATO/ Juventus, l’ipotesi Inler prende piede!

- La Redazione

La Juve continua a scandagliare il mercato in cerca di possibili innesti da inserire in rosa. L’idea della dirigenza di corso Galileo Ferraris è quella di assicurarsi un big per ogni reparto

inler_R375x255_23apr10
Gokhan Inler (Foto: Ansa)

CALCIOMERCATO JUVENTUS – La Juventus continua a scandagliare il mercato in cerca di possibili innesti da inserire in rosa. L’idea della dirigenza di corso Galileo Ferraris è quella di assicurarsi un big per ogni reparto. Il centrocampo, in particolare, potrebbe venire stravolto viste le partenze già preventivate di Sissoko, Felipe Melo e Jorge Martinez. Ad esse bisogna anche aggiungere l’incertezza legata al futuro di Alberto Aquilani. La Vecchia Signora deve dare al Liverpool 16 milioni di euro in tre annualità e la cifra starebbe spaventando e non poco la società torinese. Da tempo i bianconeri si sono messi sulle tracce di Riccardo Montolivo e Andrea Pirlo. Il duo suddetto potrebbe lasciare la società di appartenenza, Fiorentina e Milan, e soprattutto a prezzo di saldo. Il Viola ha infatti il contratto in scadenza nel 2012 e potrebbe essere ceduto dietro esborso di 10/12 milioni di euro mentre il rossonero sarebbe prelevato a zero. L’idea che sta nascendo in queste ore in quel di Vinovo è però un’altra ed è targata Gokhan Inler.

A svelarla è l’agente dello stesso, Dino Lamberti. Intervistato da Radio Kiss Kiss il procuratore del bianconero ha chiuso al Napoli, storica estimatrice, aprendo alla Juventus: «A Gokhan non interessano i soldi, lui vuole andare in una società seria che lotti per traguardi importanti e che creda fermamente in lui. I nomi? Bayern Monaco, Borussia Dortmund e Juventus… La Juventus non ha chiesto Gokhan direttamente. Ci sono stati dei contatti con persone affiliate, ma nulla di concreto».

Un trasferimento che sarebbe naturalmente apprezzato dallo stesso Inler: «Gokhan vorrebbe rimanere in Italia, ma andrebbe via da Udine solo per una signora squadra, non per un club qualsiasi».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori