CALCIOMERCATO/ Juventus, Marotta: Pirlo e Bastos giocatori per noi

Lunghissima intervista rilasciata dal direttore generale della Juventus, Marotta, al quotidiano Il Corriere dello Sport. Il dg della Vecchia Signora ha svelato in parte il mercato estivo

06.04.2011 - La Redazione
marotta_R375x255_05giu09

CALCIOMERCATO JUVENTUS – Lunghissima quanto interessante intervista rilasciata dal direttore generale della Juventus, Beppe Marotta, al quotidiano romano Il Corriere dello Sport. Il dg della Vecchia Signora ha svelato in parte il mercato della prossima estate che si preannuncia importante e ricco di stile. Un calciomercato che sarà senza dubbio subordinato al tecnico che guiderà la prossima stagione la barca torinese: «Con Del Neri abbiamo un impegno biennale: per applicazione e professionalità, è considerato da tutti noi in termini positivi. Bisognava restituire uno spirito di gruppo alla Juve e lo ha fatto molto bene. La controprova l’abbiamo avuta con la Roma: abbiamo visto giocatori anche poco utilizzati coinvolti emotivamente nella costruzione della vittoria. Alla fine sono mancati 4-5 punti in classifica, non di più».

Parlando del mercato, Marotta ha confessato: «Alla quantità si innesterà la qualità: almeno un paio di top player… Di solito è l’attacco la zona del campo che dà maggiori emozioni. Uno può essere lì e uno a centrocampo Pastore? Per la verità pensiamo ad una tipologia di giocatore con una maggiore esperienza. Pastore in prospettiva è un campione, ma la sua valutazione è altissima e la maglia della Juve peserebbe anche a lui, che finora è stato al Palermo».

Si parla anche di Menez e Vucinic: «Sono due giocatori molto validi. Ma potremmo ragionare solo su operazioni di scambi tecnici e non di esborso cash». Non sembrano reali invece le ipotesi targate Robben e Ribery: «40 milioni ogni cartellino più i due stipendi… Impossibile per noi. Almeno, impossibile entrambi». Infine, parlando di Pirlo e Bastos: «Beh, Pirlo nei miei campetti c’è… Poi vediamo. Non è un mistero che su Bastos puntiamo. C’è il problema del posto da extracomunitario…».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori