CALCIOMERCATO/ Juventus, Montolivo, Handanovic, Farfan tutti i rumors al 7 aprile

Dopo essersi convinto della riconferma di Delneri, Marotta si muove sul mercato per l’acquisizione di giocatori che possano far volare il 4-4-2 dell’ex allenatore di Samp e Chievo.

07.04.2011 - La Redazione
farfan_R400_6apr11
Farfan (Ansa)

Grandissimo fermento a Torino sponda Juventus. Il dg bianconero Beppe Marotta è infatti già attivissimo sul calciomercato con l’intento dichiarato di far tornare grande la sua Juventus. Molti i nomi sul taccuino dell’ex dirigente della Sampdoria che dopo essersi convinto con la proprietà della conferma di Delneri per un’altra stagione è ora alla ricerca dei rinforzi adatti per i 4-4-2 dell’allenatore bianconero. Praticamente acquistato Montolivo, per il quale potrebbe arrivare a breve la fumata bianca, si cerca ora di capire chi possa essere il centrocampista deputato a far spazio al regista della Fiorentina. Il maggiore indiziato è Marchisio che visto il grande mercato, potrebbe essere sacrificato per far cassa, su di lui resta vivo l’interesse dell’Inter. Non è comunque da escludere che alla fine sia però Aquilani il sacrificabile, Marotta proverà infatti sino all’ultimo ad ottenere uno sconto sul riscatto stabilito in partenza per il giocatore, ma qualora il Liverpool non volesse sentir ragione lo lascerà a malincuore libero.

Per quanto riguarda il capitolo portiere invece, resta molto probabile la partenza di Buffon sul quale restano vigili Roma e Manchester United. L’uomo deputato a raccogliere la pesantissima eredità del portiere della nazionale potrebbe però non essere Storari, ma bensì Handanovic, autore di una stagione straordinaria e molto apprezzato da Marotta e Paratici che avrebbero già avviato i contatti con l’Udinese. Si monitora inoltre anche la situazione Farfan, l’esterno di origini peruviane pare essere l’uomo ideale per far volare le fasce della Juventus ed essendo in scadenza di contratto nel 2012 potrebbe arrivare ai bianconeri a parametro zero.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori