CALCIOMERCATO/ Juventus, obiettivo Scudetto? Servono almeno quattro colpi…

Il rinnovo di Alessandro Del Piero nel nuovo stadio della Juventus ha permesso al presidente Andrea Agnelli di rilanciare le ambizioni Scudetto della formazione bianconera.

06.05.2011 - La Redazione
Agnelli_Andrea_r375_20mag10
Agnelli (Ansa)

Il rinnovo di Alessandro Del Piero nel nuovo stadio della Juventus ha permesso al presidente Andrea Agnelli di rilanciare le ambizioni Scudetto della formazione bianconera nella prossima stagione. I tifosi della Juventus sperano che dalle parole si passi velocemente ai fatti. Per puntare allo Scudetto bisogna prima fare chiarezza per quanto riguarda il ruolo dell’allenatore. Delneri potrebbe essere riconfermato, molti si domandano se sarà all’altezza del compito, sicuramente il suo 4-4-2 (a tratti scolastico) dovrebbe essere rinforzato con qualche uomo di qualità. L’ex tecnico della Sampdoria ama giocare molto sugli esterni, Krasic a destra ha dimostrato di essere devastante ora toccherà trovare l’uomo giusto per la fascia sinistra e Bastos potrebbe essere utile. Nel ruolo di portiere dovrà essere riconfermato Buffon, perchè è un numero uno di livello mondiale. La difesa ha bisogno di più rinforzi importanti, uno al centro per formare con Chiellini una coppia di sicura affidabilità visto che Bonucci è ancora poco esperto. Anche sugli esterni occorrono due giocatori di livello mondiale, i giovani Beck a destra e Coentrao a sinistra sarebbero le soluzioni più giuste.

A centrocampo bisogna capire che oltre a un recuperatore di palloni occorre un vero regista, e non un centrocampista offensivo (Aquilani) mascherato da organizzatore di gioco. Pirlo ha grande qualità ma è avanti con gli anni, perchè non Montolivo? Infine capitolo attaccanti, Matri, Quagliarella e Del Piero dovrebbero essere confermati, ma un grande colpo deve essere fatto. I vari Aguero e Tevez sono obiettivi onestamente impossibili soprattutto senza Champions League, idem Rossi, potrebbe bastare anche Gilardino.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori