CALCIOMERCATO/ Juventus, Durante consiglia Ganso, Pastore addio?

- La Redazione

Archiviate le pratiche Pirlo e Ziegler, e ad un passo dall’ufficialità di Pazienza, la società bianconera continua a scandagliare il mercato dei trequartisti e degli attaccanti

Pastore_R375_16ott09
Javier Pastore (Foto: Ansa)

CALCIOMERCATO – Archiviate le pratiche Andrea Pirlo e Reto Ziegler, e ad un passo dall’ufficialità di Michele Pazienza e di Stephan Lichtesteiner, la società bianconera continua a scandagliare il mercato dei trequartisti e degli attaccanti. L’idea del club torinese è di inserire in squadra almeno un giocatore di primissima fascia. Nelle ultime settimane è stato spesso accostato alla Vecchia Signora il nome di Javier Pastore, ma il talento argentino, a meno di sorprese, appare per ora inarrivabile. Lo fa capire chiaramente il presidente del Palermo Maurizio Zamparini, che intervistato da Radio Radio Tv ha ammesso: «Penso che Pastore vada all’estero perchè in Italia nessuno è in grado di pagare quelle cifre nel mercato italiano non c’è un penny bucato per comprare un giocatore. Se poi Sabatini arriva con 50 milioni di euro, Pastore è suo. Ha tre anni di contratto e ci sono due o tre club che penso faranno un’asta per lui. Il Palermo, poi, non ha bisogno di vendere Pastore, se lo vende è perchè il giocatore ambisce ad andare in un grandissimo club». Zamparini si è espresso anche sulla possibilità che l’ex ds dei rosanero Sabatini possa “rubare” il Flaco alla sua vecchia squadra: «Io e Sabatini siamo due persone che ci stimiamo ma sul mercato siamo avversari, come avversari sono Palermo e Roma a Sabatini non è passato per l’anticamera del cervello di andare su Pastore, perchè conosce la sua valutazione e conosce quali club sono di lui». La Juventus non ha naturalmente 50 milioni di euro da investire nel gioiello albiceleste ma potrebbe abbassare notevolmente le richieste inserendo le molte contropartite tecniche a disposizione, leggasi i vari Amauri, Iaquinta e probabilmente Giovinco. Intanto il noto agente Fifa Sabatino Durante, esperto di calciomercato brasiliano, ha lanciato una nuova idea riguardante la società bianconera: «I bianconeri per ora si sono mossi prendendo i fratelli Appelt, sconosciuti ai più anche in Brasile – ha spiegato a Notiziariosportivo.com – per Marotta avrei visto bene Ganso, ma hanno preso Pirlo e i due ricoprono la stessa posizione. Ora però c’è bisogno di almeno altri 4-5 acquisti di grande livello, perchè altrimenti il prossimo campionato rischia di diventare una fotocopia di quello appena concluso. Conte è l’uomo giusto al posto giusto, ma servono i giocatori. L’anno scorso sono stati spacciati alcuni buoni giocatori per dei campioni, come ad esempio Krasic. Uno degli acquisti potrebbe essere Danilo del Santos, che può giocare su entrambe le fasce e sa inserirsi».

Durante si è espresso anche su Neymar, che sembra vicinissimo al Real Madrid, ma che vedrebbe bene, così come Ganso, fra le fila della Vecchia Signora: «E’ normale che i tifosi del Real Madrid abbiano scelto Aguero nel sondaggio. Sono giocatori completamenti diversi, il primo ha dimostrato di essere già un giocatore importante in Europa e in più nel ruolo del brasiliano c’è già Cristiano Ronaldo. Il salto al Real Madrid di Neymar potrebbe ripercorrere la stessa storia di Robinho, al quale somiglia molto, anche se secondo me è leggermente meglio. Ci sono molte controindicazioni al suo acquisto, sopratutto il prezzo. Lo compri a 45 milioni di euro e poi magari fa una carriera da buon giocatore e non da top player. La carriera da campione potrebbe farla in Italia, alla Juventus, in un campionato di seconda fascia come il nostro».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori