CALCIOMERCATO/ Juventus, Padovano: “Juve, basta errori!”

- La Redazione

Intervenuto ai microfoni di Radio Sportiva, l’ex calciatore bianconero si è espresso sul nuovo corso in casa Juventus, l’imperativo categorico è non sbagliare la campagna acquisti.

marotta_accigliatoR400

Continua la disperata ricerca di un Top Player negli uffici di Corso Galileo Ferraris, Marotta e soci lavorano infatti alla trattativa per Aguero ma continuano a tenere sotto controllo anche le situazioni di Giuseppe Rossi, Carlitos Tevez ed Alexis Sanchez, tutti destinati ad abbandonare le rispettive squadre in questa sessione di calciomercato. In casa Juventus si guarda al futuro con ottimismo e l’aumento di capitale avvenuto questa settimana pare aver ridato un’aurea da grande squadra ai bianconeri. Si tratta di un effetto normale e naturale, il messaggio mandato dalla società torinese è infatti di quelli forti e lascia capire quanto, almeno nelle intenzioni, il progetto della nuova era Agnelli voglia essere serio e vincente. L’imperativo però deve ora essere quello di rispettare i programmi, alle belle parole dovranno seguire i fatti e ciò sarà possibile solo se la società bianconera limiterà al minimo gli errori mostrando un evidente inversione di tendenza rispetto agli ultimi anni; troppi i soldi spesi male per la Vecchia Signora dal ritorno nella massima serie e un patrimonio economico e tecnico depauperato dall’incapacità della società di pensare in grande ed agire di conseguenza. Proprio riguardo la necessità di un radicale cambio rispetto al passato si è espresso Michele Padovano, l’ex calciatore della Juventus è intervenuto ai microfoni di Radio Sportiva per parlare del nuovo progetto bianconero: “Questi 70 milioni metteranno di nuovo alla prova la dirigenza. La Juve ha l´obbligo di tornare a vincere, servono campioni: nel nuovo stadio sono proibite brutte figure. Finora ha pagato solo l´allenatore. Non sarà facile operare sul mercato per la Juventus, perché tutti sanno che i bianconeri hanno l´obbligo di comprare. Adesso però bisognerebbe soprattutto sfoltire, poi devono arrivare grandi nomi”. Lo stesso ex calciatore si è poi espresso su un altro grave problema che sta limitando le manovre di Marotta, l’esclusione dalle coppe europee: “Per giocatori di un certo calibro le coppe europee sono fondamentali. Per questo la Juve potrebbe incontrare delle difficoltà nell´acquisto dei big. Ma i bianconeri devono trasformare questo in un vantaggio: potranno lavorare meglio durante la settimana”.

Quello che però in realtà manca alla Juventus degli ultimi anni è una stabilità societaria ed un ambiente che sappia dimostrarsi coeso intorno alla squadra; la rivoluzione deve infatti venire prima di tutto dall’alto e ne è convinto lo stesso Padovano: “Sono fan e amico di Antonio Conte, come allenatore non si discute. La nostra Juve aveva alle spalle una società molto forte, quella attuale deve dimostrare solidità e competenza. E dovrà sostenere Conte”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori