CALCIOMERCATO/ Juventus: Eduardo, Ramirez, Alex. tenuti in “ostaggio” da Amauri &co

- La Redazione

CALCIOMERCATO JUVENTUS – Non soltanto mercato in entrata in corso Galileo Ferraris con le trattative per Alex, Vargas e Ramirez. ma anche tante operazioni in uscita che bloccano il mercato

Amauri_sconfitto_R375_25feb09_phixr
Amauri, attaccante Juventus in prestito al Parma (Foto Ansa)

Non soltanto mercato in entrata in corso Galileo Ferraris con le trattative per Alex, Vargas, Ramirez, Carlos Eduardo. ma anche tante operazioni in uscita. O almeno così spererebbero i dirigenti della Juventus che hanno bisogno di fare cassa e di abbattere il monte ingaggi. Altrimenti sarà difficile operare sul calciomercato per completare la rosa da mettere a disposizione di Conte. E in questo momento la campagna acquisti della Juventus è bloccata dai molti possibili partenti che non riescono ad accasarsi. Su tutti vi è il “solito” Amauri. L’attaccante italo-brasiliano è reduce da una buona metà stagione in quel di Parma in cui sembra aver ritrovato la verve di un tempo. A Torino per lui non vi è più spazio, escluso dal progetto Antonio Conte ma soprattutto dai tifosi, che lo hanno fischiato e offeso durante il recente ritiro a Bardonecchia. Diverse ipotesi nel futuro di Amauri. La Fiorentina è la squadra che lo corteggia maggiormente. La Juventus vorrebbe intavolare uno scambio con Juan Manuel Vargas, in modo da sistemare la fascia sinistra, ma sembra che il centravanti non sia pienamente convinto della meta. In Italia piace moltissimo anche al Palermo e soprattutto al Parma dove ha lasciato un ottimo ricordo di sè dopo l’ottimo girone di ritorno disputato in Emilia lo scorso campionato. Lo vorrebbero i suoi ex compagni di squadra, lo vorrebbe il presidente Ghirardi. Unico vero problema non è il costo del cartellino quanto piuttosto l’ingaggio. Il Parma ha due soluzioni: chiedere al giocatore di ridursi l’ingaggio, spalmandolo su più anno, oppure proporre alla Juventus di contribuire in piccola parte. Intanto un’altra società sulle tracce di Amauri è il Galatasaray, club che milita nella massima divisione turca, che avrebbe presentato un’offerta molto interessante. Insieme ad Amauri potrebbe fare le valigie anche l’attaccante Vincenzo Iaquinta. Il centravanti di Crotone viene da un periodo molto sfortunato e come il collega italo-brasiliano non sembra rientrare nei progetti futuri. Sulle sue tracce vi sarebbe il Napoli, società sempre in cerca di un attaccante, che sia capace di adattarsi al ruolo di punta esterna. Compito che Iaquinta è in grado di ricoprire bene. Inoltre, per il Napèoli rappresenterebbe un acquisto di esperienza, dopo l’inserimento di Chavez, che ha una certa familiarità con le competizioni internazionali, a differenza della gran parte dei giocatori napoletani. Un unico dubbio che rimane ai dirigenti del Napoli riguarda l’integrità fisica: da ormai un anno e mezzo Iaquinta non gioca con regolarità. Infine, altro papabile per la partenza, è il centrocampista argentino Sergio Almiron. L’ex Bari è tentato dal Real Sociedad ma attenzione anche ad un’eventuale ipotesi di scambio con Giaccherini, centrocampista in forza al Cesena che piace moltissimo alle big d’Italia, Vecchia Signora compresa. Con queste tre cessioni, Amauri, Iaquinta e Almiron, il calciomercato della Juventus potrebbe finalmente ripartire. Ma come abbiamo appena documentato la situazione non è così fluida. Ad oggi, Marotta e Paratici sono ostaggio di questi giocatori in esubero e più passano i giorni più si rischia che in casa Juventus questa situazione diventi esplosiva. Soprattutto per quel che riguarda i rapporti tra Conte e ….

 

…i dirigenti bianconeri. Il vucanico tecnico ha da ormai due mesi fatto delle richieste ben precise alla società che ancora non hanno trovato riscontro. Ha dichiarato a più riprese che questa rosa così come è non gli dà garanzie. Nessuno in casa Juve vuole rischiare di vivere un altro anno di transizione. Ma per evitare il ripetersi di questo scenario occorre togliere alla rosa attuale tutte le spine. Altrimenti potrebbero essere dolori per tutti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori