CALCIOMERCATO/ Juventus, Alex si offre, ma Marotta deve comprarlo!

- La Redazione

Si scoprono le carte per il rinforzo in difesa promesso da Beppe Marotta per il calciomercato in corso. E’ Alex. Ma alla Juventus si chiede qualcosa in più

Alex_R375_18dic08
Alex (Ansa)

Si scoprono le carte per il rinforzo in difesa promesso da Beppe Marotta per il calciomercato in corso. E’ Alex. Ma alla Juventus si chiede qualcosa in più. Contattato nella tarda serata di ieri dalla redazione di Sky, Alex ha confermato l’interesse della Juventus, come il suo stesso gradimento per la piazza bianconera. Si parla di un contratto importante, un quadriennale per il ventinovenne centrale difensivo del Chelsea. Lui i sondaggi li ha già fatti, chiamando i suoi compagni di nazionale e forse sentendo anche il suo vecchio allenatore Carletto Ancelotti che la Juventus la conosce molto bene. Certo, il quadro che tutti avranno fatto di piazza e società non c’è rischio che sia troppo roseo, ma anche per questo la volontà del giocatore sembra un ottimo segnale. Lui vuole i bianconeri, per l’esperienza che gli manca della Serie A, la condivisione del progetto da protagonista e la possibilità di riportare la squadra più amata d’Italia ai tempi del pre-calciopoli. Ma c’è un ma. Tra Juventus e Chelsea c’è una distanza piuttosto grande ed è la formula dell’ingaggio di Alex. Marotta vorrebbe un prestito o una comproprietà, per non impegnarsi subito con troppa liquidità e poter raccogliere il massimo delle risorse per il famoso esterno e per un eventuale altro arrivo. Alex e il Chelsea invece no. Vogliono trattare una cessione a titolo definitivo, che garantisca prospettiva al giocatore e soldi nelle casse della società, che per una volta vogliono provare l’ebrezza di riempirle, invece che di svuotarle. La Juventus è un po’ messa alle strette, da una notizia certamente positiva, con dichiarazioni al limite dell’entusiastico da parte del diretto interessato, ma che mettono in chiaro contemporaneamente un’altra cosa: ci vogliono i soldi. “Un prestito non andrebbe bene né a me, né al Chelsea”, chiosa Alex. Il ragionamento è semplice: a 29 anni, con altri due di contratto con i Blues, l’affare si può fare per passare a un grande club in un grande campionato. Ma ci vogliono i soldi. E qui i polsi cominciano un po’ a tremare a Marotta, perché quando si parla di “ultimo grande contratto” in questo periodo la mente corre a Eto’o e a cifre astronomiche. Non è questo il caso, ma è chiaro che il giocatore non muoverà un altro passo in direzione dei bianconeri.

Tutti devono quindi avere la propria parte: un buon prezzo del cartellino per la società e un contrattino niente male per il giocatore. Una curiosità, svelata dallo stesso Alex, rende meglio di mille ragionamenti le difficoltà che la Juve potrebbe incontrare nella trattativa: “una volta fui molto vicino a venire in Italia, ero in trattativa con il Milan, arrivai alle visite mediche, ma poi non si trovò l’accordo…”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori