CALCIOMERCATO/ Juventus, Caceres adesso, Vidic a giugno?

- La Redazione

La Juventus punta su Martin Caceres per sistemare la retroguardia. Il jolly difensivo del Siviglia e della nazionale uruguagia anticiperà lo sbarco di un big nel reparto

marotta_R400_8ott10
Beppe Marotta, dg Juventus (Foto Ansa)

La Juventus interverrà durante il mercato di gennaio che aprirà ufficialmente settimana prossima per ritoccare il reparto dell’attacco nonché la difesa. Per quanto riguarda il primo obiettivo è noto l’interesse per Marco Borriello, attaccante della Roma in partenza. Con i capitolini è già stato tutto deciso, prestito oneroso a circa un milione di euro con diritto di riscatto fissato attorno ai 7, e si attende solo di mettere le fatidiche firme per ufficializzare l’operazione. La seconda trattativa che si sta cercando di concludere in corso Galileo Ferraris è quella per Martin Caceres, già ex bianconero nella stagione 2009-2010, attualmente punto fisso del Siviglia e della nazionale uruguagia. Un’operazione leggermente più complessa rispetto a quella romana visto che gli andalusi puntano ad ottenere più di 10 milioni di euro in cambio del sudamericano mentre la Vecchia Signora non vorrebbe superare la soglia dei 9/10. La cosa certa è che la retroguardia verrà solamente ritoccata e non innestata di un grande difensore come si ventilata fino a poche settimane fa. La scorsa stagione, in effetti, aveva mostrato una Juventus molto carente in fase difensiva, e l’arrivo di un centrale di prima fascia come Vidic del Manchester United o Bruno Alves dello Zenit di San Pietroburgo e della nazionale portoghese, sembrava prioritario. In realtà la grande prima metà stagione di Andrea Barzagli, nonché di Lichtsteiner e di Giorgio Chiellini, unita ad un miglioramento di Leonardo Bonucci, sicuramente protagonista di meno errori rispetto al 2010-2011, ha indotto a rimandatre lo sbarco del top player a Torino soltanto in vista della prossima estate 2012. Caceres sarà quindi una sorta di soluzione tampone, un giocatore in grado di ricoprire più ruoli, dal centrale, ai due terzini, e che non comporterà un esborso troppo esoso alle casse di corso Galileo Ferraris. Grazie all’arrivo dell’uruguagio Antonio Conte potrà finalmente disporre di una valida alternativa a Chiellini sulla fascia sinistra e non è da escludere che alla fine il nazionale azzurro ritorni al centro della difesa al fianco di Barzagli. Lo stesso Caceres potrebbe essere anche impiegato sulla destra, sia per sostituire Lichtsteiner in caso di necessità, sia nel ruolo di esterno alto, al posto di Simone Pepe.

Un vero e proprio calciatore polivalente che spingerà all’addio di Grosso e Motta. I vari Vidic, Bruno Alves, e via discorrendo, li attendiamo a Torino solo fra qualche mese…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori