CALCIOMERCATO/ Juventus, Borriello si presenta: cinque mesi per convincere tifosi e società!

- La Redazione

Ieri il Napoli ha presentato ufficialmente Eduardo Vargas, calciatore cileno prelevato dall’Universidad de Chile, oggi la Juventus ha presentato Marco Borriello della Juventus.

Borriello-1
Marco Borriello, attaccante Roma (Foto Infophoto)

Ieri il Napoli ha presentato ufficialmente Eduardo Vargas, calciatore cileno prelevato dall’Universidad de Chile. Oggi la Juventus ha invece presentato ufficialmente Marco Borriello, attaccante napoletano arrivato in prestito con diritto di riscatto dalla Roma. Il giocatore non è stato accolto benissimo dai tifosi bianconeri che a Lecce hanno srotolato alcuni striscioni polemici nei suoi confronti a causa di un presunto rifiuto del giocatore di vestire la maglia della Juventus nella scorsa stagione. Borriello inizia proprio da questo punto spiegando: “Sono rimasto dispiaciuto dallo striscione che riguardava la mia dignità, penso che in campo e fuori mi sia sempre comportato in maniera dignitosa, ma questo deriva dalla cattiva informazione che è stata data in questo anno e mezzo. Rispetto i tifosi della Juventus ma posso dire loro di non aver mai rifiutato di giocare qui, non voglio entrare in polemica con loro ma devono sapere che non ho mai detto no alla Juventus”. Accanto a Borriello c’è Marotta che annuisce. Il centravanti campano dovrà prima convincere i tifosi e poi la società bianconera a riscattarlo a fine stagione. Borriello parla anche della sua attuale condizione fisica: “Ho avuto un problemino il 20 dicembre, ma penso di aver recuperato tutto. Forse oggi o domani mi aggregherò alla squadra”. Qualcuno fa notare a Borriello che la sua carriera non è stata molto folgorante nonostante abbia dimostrato di avere delle doti importanti. Il nuovo centravanti della Juventus precisa: “Diciamo che sono stato sfortunato perchè al Genoa ho segnato 19 gol, sono tornato a Milano e mi sono infortunato e sono rimasto fuori 10 mesi. L’anno dopo invece ho siglato 15 reti con Leonardo allenatore, purtroppo sono dovuto andar via perchè al Milan arrivò il più forte centravanti al mondo, ovvero Ibrahimovic”. Borriello ha tanta voglia di rivincita soprattutto per quello che è successo a Roma: “Nei primi mesi ho segnato tantissimo, poi è andato via il tecnico che mi ha voluto, la società ha puntato su un altro allenatore e io non ho giocato, ma a fine stagione ho comunque realizzato 17 reti”. Adesso l’obiettivo di Borriello è quello di conquistare i suoi nuovi tifosi e soprattutto la dirigenza: “Ho cinque mesi per dimostrare a loro quello che valgo, voglio convincere tutti”.

I bianconeri sperano che Borriello possa integrarsi al meglio con i nuovi compagni e sbloccarsi dal punto di vista realizzativo il prima possibile. Per Conte si tratta di un elemento valido che può alternarsi con Matri in attacco.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori