CALCIOMERCATO/ Juventus, Giovinco: inizia l’operazione ritorno

- La Redazione

L’amministratore delegato Beppe Marotta e il presidente Andrea Agnelli lavorano per il rientro alla base di Sebastian Giovinco. Probabile una proposta da 10 milioni di euro

Giovinco-1
Sebastian Giovinco, attaccante Parma (Foto Infophoto)

CALCIOMERCATO – Al pari delle varie operazioni legate a Caceres, Pizarro, Guarin e via discorrendo, in corso Galileo Ferraris si stanno iniziando a gettare le basi in questi giorni per il grande rientro alla base di Sebastian Giovinco. La Formica Atomica è da tempo nei piani dell’allenatore Antonio Conte e lo stesso giovane attaccante sta mostrando grandi cose in quel di Parma dove è leader indiscusso. Lui si trova bene al Tardini ma è chiaro che giocare e magari vincere allo Juventus Stadium è tutta un’altra musica. Ad accelerare le pratiche per il ritorno a casa, inoltre, il prossimo addio di Alessandro Del Piero che a fine stagione, se tutto andrà come preventivato dal presidente Andrea Agnelli, dirà definitivamente addio alla Juventus per poi tornare magari nelle veste di dirigente. Sia ben chiaro, trovare l’erede del Pinturicchio, dopo anni e anni di onorata carriera a Torino, è cosa tutt’altro che semplice, ma l’idea di riportare a Vinovo l’esterno d’attacco stuzzica e non poco la dirigenza bianconera, che coglierebbe “due piccioni con una fava”, come si suol dire. Conte lo avrebbe già voluto per gennaio ma l’arrivo di Borriello e l’ottimo inserimento degli acquisti dell’estate hanno convinto il salentino a rimandare l’operazione all’estate. La cosa certa, e sotto gli occhi di tutti, è che Giovinco è migliorato tantissimo da un anno a questa parte, ovvero, da quando veste la casacca gialloblu. Una maturazione esponenziale che ha convinto anche il commissario tecnico Cesare Prandelli a richiamare in azzurro il giocatore. In estate si andrà obbligatoriamente alle buste, di fronte ad una comproprietà libera, a meno che la Juventus e il Parma non trovino un accordo nei prossimi mesi sulla base di un assegno da 10 milioni di euro magari con l’inserimento di qualche contropartita tecnica gradita agli emiliani, leggasi giovani del vivaio che tanto piacciono a Ghirardi. Attenzione però alla concorrenza visto che la Formica Atomica inizia ad attirare diverse pretendenti e non è da escludere che, così come Rossi, emigri in Spagna per trovare fortuna. Il futuro di Giovinco entrerà nel vivo dopo il mercato di gennaio e presumibilmente all’inizio della Primavera.

Nel frattempo l’attaccante cercherà di proseguire quanto di buono fatto vedere in questi mesi a Parma con la speranza di ritornare al più presto a Vinovo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori