CALCIOMERCATO/ Juventus, torna di moda Armero: Quagliarella a Udine?

- La Redazione

L’esterno d’attacco dell’Udinese, Pablo Armero, manda messaggi alla Juventus. Il giocatore è scontento e vorrebbe giocare di più: la Juventus è pronta ad accoglierlo

Armero_Juve
Pablo Armero (Infophoto)

Durante il prossimo mercato di riparazione, quello in programma nel gennaio del 2013, potrebbe rafforzarsi il legame fra l’Udinese e la Juventus. Nei giorni scorsi si era parlato di un possibile ritorno di Quagliarella in Friuli, operazione che avrebbe potuto portare all’arrivo di uno tra Danilo e Benatia allo Juventus Stadium. Antonio Conte però vede come priorità la fascia sinistra, unico ruolo forse ancora da rafforzare: qui è sempre vivo linteresse per il colombiano Pablo Armero, esterno già trattato nel corso della sessione estiva di mercato e non più titolare inamovibile come lo era la scorsa stagione, quando è stato uno dei protagonisti della marcia friulana verso i preliminari di Champions League. Sono appena due le presenze di Armero in questo campionato di serie A, ed è chiaro che il ragazzo non può essere contento dell’utilizzo che Guidolin ne sta facendo. Ad agosto la trattativa si era arenata sulla formula: laddove l’Udinese spingeva per la comproprietà, la Juventus era più orientata al prestito. A breve però le due società potrebbero tornare a parlarsi e da corso Galileo Ferraris sarebbe già partita una proposta: far tornare d’attualità il discorso su Quagliarella e inserirlo come contropartita tecnica nell’affare. Qui si incastrano le valutazioni che la Juventus farà circa il suo attacco: Quagliarella sta facendo bene, ha segnato tre gol in stagione e quando è stato chiamato in causa ha risposto dimostrando di poter essere un valore aggiunto per questa squadra. Tuttavia la punta di Castellammare di Stabia non è certo uno dei calciatori più impiegati da Conte/Carrera, e l’ulteriore ed eventuale arrivo di un altro pari ruolo durante il mercato di gennaio potrebbe definitivamente convincere la società a imbastire lo scambio con l’Udinese, andando quindi ad aggiungere un altro elemento di corsa e qualità in una zona di campo nella quale per il momento sta giocando (molto bene, va detto) Asamoah, che non è un esterno. Quagliarella ha vissuto due grandi stagioni allo stadio Friuli, nel 2007-2008 e nel 2008-2009, e sarebbe ben lieto di ritornarci ottenendo però garanzie sul suo impiego. L’idea è quella di un prestito, magari con diritto di riscatto, con ingaggio pagato alla metà dalle due società, in cambio del prestito di Armero con la stessa formula. A Udine si tornerebbe a formare la coppia tutta campana con Totò Di Natale, una prospettiva che sicuramente sarebbe vista di buon occhio dai Pozzo e da Guidolin, che in questo inizio di stagione sta facendo ruotare più giocatori nel ruolo di appoggio al suo cannoniere: Fabbrini, Barreto, Maicosuel, poi Pereyra e anche Ranegie. La Juventus, come detto, avrebbe un’alternativa in più. 

Le due società torneranno sicuramente a parlarsi nelle prossime settimane, con l’avvicinarsi al mercato di gennaio e quando il quadro della situazione sarà certamente più chiaro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori