DIRETTA/ Juventus-Napoli live (Serie A 2012/2013): la partita in temporeale

- La Redazione

Juventus-Napoli non è solo il primo anticipo dell’ottava giornata di campionato di Serie A. La diretta di Juventus-Napoli live in temporeale la partita.

carrera_sorriso
Massimo Carrera (Infophoto)

Juventus-Napoli non è solo il primo anticipo dell’ottava giornata di campionato di Serie A, ma è decisamente la partita più importante della stagione, almeno fino a qui. Lo scontro al vertice tra le due squadre più solide della Serie A ha vissuto un’attesa lunghissima, complice il turno di riposo per l’impegno delle nazionali e l’adrenalina per questo Juventus Napoli è salita a mille. C’è chi dice che chi vince metterà le mani sullo Scudetto, e chi invece afferma che è ancora troppo presto e se dovesse prevalere una tra le due squadre il cammino per il titolo sarebbe ancora molto lungo e in bilico. In ogni caso, Juventus-Napoli è una sfida che entrambe le formazioni vogliono vincere, per spiccare il volo dai diciannove punti della vetta e arrivare ancora più sù. Se la partita finisse con un vincitore, tra le altre cose, si aprirebbe il divario con le inseguitrici appaiate a quindici punti, che con un pareggio sarebbero rimesse seriamente in gioco per lo scudetto. Insomma, la sfida è interessante anche perché decisamente aperta e in grado di dare un volto diverso a seconda del risultato a tutta la competizione più amata dagli italiani. Di certo c’è che chi ha più da perdere tra Juventus e Napoli sono proprio i bianconeri. Vedere lo Juventus Stadium violato ad opera di una squadra storicamente rivale non sarebbe un bello spettacolo per i supporter della Vecchia Signora, senza contare che il record di imbattibilità detenuto dal Milan e lungamente seguito dai bianconeri sfumerebbe come per incanto. In più i campioni in carica hanno sempre sulle spalle l’onere di ribattere agli sfidanti, e in questo senso certo gli uomini del tandem Conte-Carrera non fanno eccezione. Se la Juventus dovesse invece vincere contro il Napoli si proietterebbe a quota ventuno punti, mettendosi in una doppia posizione di forza. Anzitutto di classifica, tre punti in più sono oggettivi, poi psicologica. Considerando una piazza come Napoli e la mentalità della Juventus, è molto più facile fare la corsa stando davanti per i bianconeri, come lo sarebbe per i partenopei che cavalcherebbero un entusiasmo incredibile. Mazzarri ha parlato di una squadra più matura, se sarà così lo vedremo oggi in campo e – soprattutto – nelle prossime gare.

La Juventus si prepara quindi ad ospitare il Napoli dopo aver raccolto tredici punti nelle ultime cinque partite. In casa in particolare, i bianconeri hanno collezionato nove dei diciannove punti totali vincendo tutte e tre le gare disputate allo Juventus Stadium e con un saldo reti impressionante, otto gol fatti contro uno solo subito. Una statistica che non lascerebbe spazio a dubbi circa la forza dei bianconeri tra le mura amiche, ma pesano come macigni le incognite dovute alle assenze. Di certo non ci saranno Buffon e Vucinic, ovvero il portiere titolare e l’unica certezza per l’attacco bianconero alla ricerca atavica del top-player. Carrera ha precisato che la Juventus non è usa piangersi addosso nelle difficoltà, ma certamente queste due sole assenze non mettono il sorriso a Conte e compagni. Tuttavia la forza della Juventus, come sottolineato su queste pagine anche da autorevoli commentatori, come l’allenatore Delio Rossi, è soprattutto a centrocampo e nei duelli tra i singoli giocatori proprio sulla linea mediana potrebbero essere i bianconeri a spuntarla, anche se certamente il ritmo e la grinta del Napoli potrebbero scardinare la barriera bianconera e a quel punto mettere elementi di assoluto valore tecnico come Cavani e Pandev a tu per tu con i difensori bianconeri che dovranno a quel punto reggere un urto notevolissimo. Storari dovrà farsi trovare pronto.
Il Napoli dal canto suo si prepara ad affrontare la Juventus nella sua “tana” a viso aperto e con negli occhi le grandi imprese del passato, più o meno recente. La squadra c’è e gli elementi di spicco, pur dovendo patire un po’ di scombussolamento dovuto alle partecipazioni alle partite delle proprie nazionali offrono ampie garanzie. Il Napoli si presenta allo Juventus Stadium dopo aver raccolto tredici punti nelle ultime cinque partite, esattamente come i bianconeri. In trasferta il Napoli pur non avendo ancora subito gol in questo campionato ha raccolto “solo” sette punti, frutto di due vittorie e un pareggio. Quattro sono stati i gol realizzati, non molti per una squadra che in avanti ha queste potenzialità. Mazzarri dovrà far fronte alla sola defezione di Britos, e purtroppo a questa assenza ha dovuto fare il callo, e quindi è da considerare che tutti gli effettivi siano a disposizione del mister. Il modulo è rodato, la mossa tattica annunciata (almeno dagli operatori) sarà Hamsik su Pirlo in fase di non possesso, unica asimmetria in uno specchio quasi perfetto. E per chi volesse ingannare l’attesa prima dello scontro che monopolizzerà non solo la giornata, ma l’intera settimana calcistica, cliccando qui potrà leggere l’analisi tattica prepartita del noto blogger bianconero Fabio Barcellona de “Uccellino di Del Piero”, o i commenti di Ciro Venerato e Salvatore Bagni. L’attesa, in ogni caso, sta per finire. Presto Juventus-Napoli darà i suoi verdetti…

La stanza si aprirà alle 17:50

 

Risorsa non disponibile



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori