SERIE A/ Juventus-Bologna (2-1): cronaca e tabellino con marcatori e ammoniti (decima giornata)

Leggi la cronaca e il tabellino di Juventus-Bologna, decima giornata del campionato di serie A: i bianconeri mantengono la vetta solitaria grazie a un gol di Pogba in pieno recupero.

01.11.2012 - La Redazione
Pogba_Bologna
Pogba (infophoto)

Campionato di serie A 2012/2013, decima giornata che si è giocata nel turno infrasettimanale: la partita tra Juventus e Bologna, che si è giocata allo Juventus Stadium, si è conclusa con il risultato di 2 a1 a favore dei campioni di casa. Per i bianconeri sono andati a segno nella ripresa rispettivamente Quagliarella al 9′ e Pogba al 47′ nel recupero. Per i rossoblù il momentaneo pareggio invece è stato realizzato da Taider al 26′ sempre della ripresa.

Il primo tempo tra Juventus e Bologna si è concluso con il risultato di 0 a 0. Nel primo tempo Conte ha deciso di far riposare alcuni giocatori in vista della super sfida di sabato contro l’Inter; Chiellini si riposa e al suo posto gioca Caceres, autore del fondamentale gol contro il Napoli; a centrocampo rifiatano Vidal e Marchisio e al loro posto giocano Pogba e Giaccherini; in attacco invece i campioni d’Italia rinunciano a Vucinic e Giovinco e inseriscono una coppia più fisica formata da Bentner e Quagliarella. Sull’altra sponda i rossoblù sono costretti a fare a meno di Diamanti per squalifica, che viene sostituito dal talentuoso under 21 Gabbiadini. Nel primo tempo la Juventus è partita a razzo e prova a mettere subito sotto il Bologna; inizialmente si assiste ad una grande prestazione del giovane Pogba che recupera sempre palloni e, oltre ad inserirsi, arriva spesso alla conclusione. Il primo a provarci è Giaccherini da fuori ara ma il suo destro è ben respinto da Agliardi in corner; poi è Pogba che segna sugli sviluppo di un corner, ma l’arbitro aveva già fischiato un fallo dello stesso bianconero sul diretto avversario; subito dopo è ancora Pogba che con una magia prova un tiro a giro di sinistro dai 25 metri, ma la palla si stampa sul palo. Dopo un quarto d’ora di completa supremazia bianconera il Bologna alla distanza riesce a respirare e mettere il naso fuori dalla propria area di rigore; gran parte del lavoro viene fatto da Gilardino che difende molti palloni e fa salire la squadra. Anche il Bologna si inizia a far vedere così dalle parti di Buffon: a 20′ Gabbiadini mette in rete in mischia ma il fischio dell’arbitro era già arrivato per un fallo in attacco di Gilardino. Poi ci prova ancora lo stesso Gabbiadini che su sponda di Gilardino calcia fuori da buona posizione. Ora il Bologna non è più intimorito come ad inizio gara, ma i bianconeri tornano in avanti a pressare: ci prova prima Bentner, autore di una buona prestazione, con un tiro dai 30 metri sul quale respinge bene Agliardi. Poi ancora Pogba, sugli sviluppi di una punizione dalla trequarti, di testa sfiora il palo alla destra di Agliardi, ma il pallone esce sul fondo. Così si conclude, con il risultato di 0 a 0 un bel primo tempo che la Juve ha dominato senza trovare la via del gol.

Il secondo tempo tra Juventus e Bologna si è concluso con il risultato di 2 a 1 a favore dei bianconeri. Gli uomini di Conte hanno cominciato la ripresa in modo arrembante così come avevano finito il primo tempo: a differenza della prima frazione di gioco però riescono a trovare subito il gol del vantaggio al 9′ della ripresa con Quagliarella: Pogbà, servito al limite dell’area da Isla, ha messo un pallone d’oro sulla testa di Giaccherini che, invece di incornare a rete, ha servito a rimorchio Quagliarella, che di piatto destro ha battuto Agliardi dall’altezza della lunetta per il gol del vantaggio juventino. Dopo il gol la Juve ha abbassato i ritmi e piano piano è uscito il Bologna che ha iniziato a far girare palla e ha alzato il baricentro senza però creare azioni da gol. Gol che è arrivato sfruttando una ingenuità difensiva della squadra di Conte al 26′ della ripresa: De Ceglie, fermato il diretto avversario sulla sinistra della propria porta, ha rilanciato il pallone in mezzo verso il limite dell’area; sulla palla si è avventato Taider, che ha lasciato partite un siluro sul palo opposto e Buffon non ha potuto far altro che raccogliere la palla dalla rete. Il gol del Bologna ha ravvivato la partita che è divenuta veramente spettacolare: la Juve ha cercato la vittoria mentre il Bologna si difendeva caparbiamente, cercando di ripartire in contropiede. Il primo che ci ha provato è stato Quagliarella, servito in profondità ha calciato in porta da posizione defilata, ma Agliardi si è superato deviando in corner; poi ci ha provato Asamoah che, innescato da Giaccherini, si è presentato davanti ad Agliardi che però è uscito con un ottimo tempismo salvando ancora la porta rossoblù; nel frattempo il Bologna non è stato a guardare; in contropiede ci ha provato Cherubin ma il suo sinistro è volato alto sopra la traversa. Poi la Juve ha trovato il gol nel finale, dopo un assedio continuo al 47′: dopo una punizione liberata dalla difesa, Giovinco ha preso palla, ha saltato il diretto avversario e ha pennellato una palla d’oro sulla testa di Pogba che ha battuto Agliardi e ha segnato il gol del vantaggio facendo esplodere lo Juventus Stadium. La partita tra Juventus e Bologna si è così conclusa con il risultato di 2 a 1. 

Quagliarella (J) al 9′, Taider (B) al 26′, Pogba (J) al 47′ s.t.

 Buffon; Caceres, Bonucci, Barzagli; Isla (30′ s.t. Vucinic), Pogba, Pirlo, Giaccherini De Ceglie (28′ s.t. Asamoah); Bendtner, Quagliarella (26′ s.t. Giovinco). (Storari, Rubinho, Lucio, Chiellini, Marrone, Lichtsteiner, Pepe, Padoin, Matri). All.: Conte (squalificato, in panchina Alessio).

 Agliardi; Sorensen, Antonsson, Cherubin; Motta (21′ s.t. Pulzetti), Pazienza (21′ s.t. Krhin), Kone, Morleo; Taider; Gabbiadini (44′ s.t. Paponi), Gilardino. (Lombardi, Stojanovic, Carvalho, Garics, Abero, Radakovic, Guarente, Riverola, Pasquato). All.: Pioli.

Arbitro: Romeo.

Ammoniti Pazienza (B), Motta (B), Kone (B)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori