CALCIOMERCATO/ Juventus, da Immobile a Leali: come cresce il tesoretto giovanile!

Cresce il valore dei giovani bianconeri sparsi per l’Italia. Moltissimi sono i talenti della Juventus distribuiti fra Serie A e serie cadetta, come Gabbiadini, Leali, Masi e altri ancora

09.11.2012 - La Redazione
ciro_immobile_genoa_r400
Foto InfoPhoto

La Juventus può praticamente godere di due ottime squadre. Da una parte quella “ufficiale”, di stanza a Vinovo e che ogni weekend indossa il bianconero, dall’altra, quella composta da una miriade di giovani talenti sparsi fra la Serie A e le serie minori, che stanno crescendo e maturando e che in un futuro puntano a rimanere in pianta stabile nel capoluogo piemontese. Basti pensare che fra prestiti e comproprietà la Vecchia Signora può godere di un parco giocatori di ben 23 elementi e tutti dalla carta d’identità giovane. Il più “vecchio” è infatti l’australiano James Troisi, classe 1988 in comproprietà con l’Atalanta, mentre il più giovane è Nicola Leali, portierino classe 1993 ex Brescia, attualmente in prestito al Lanciano. Dopo un terzo di stagione 2012-2013 il bilancio di questa gioventù bianconera sparsa per l’Italia è sicuramente positivo. Lo confermano addetti ai lavori e operatori di mercato che parlano di valori in crescita e di un tesoretto di circa 12 milioni di euro. Fra i pezzi forti troviamo Ciro Immobile, in comproprietà con il Genoa. L’anno scorso è stato il capocannoniere della Serie B con ben 28 marcature nel Pescara vincitore del campionato, e quest’anno, seppur non riuscendo a mantenere i ritmi della “cadetta”, si sta dimostrando pronto per la Serie A. Partito in quinta, dopo gol all’esordio e gol proprio contro la Juventus, si è un po’ perso per strada, complice anche l’andamento negativo del Grifone. In estate valeva circa 8 milioni di euro mentre adesso ne vale una decina e la Juventus naturalmente gongola. Altro gioiello è Richmond Boakye protagonista nel Sassuolo assieme all’altro bianconero, Raman Chibsah. Molto positivo anche l’inizio di stagione di Leali, che ha già totalizzato 10 presenze rendendosi protagonista di ottime prestazioni. Stagione fin qui positiva anche per Alberto Masi, alla Pro Vercelli, che la Juventus sta monitorando con attenzione e vista la probabile necessità invernale in difesa non è da escludere possa riportarlo alla base già a gennaio, dopo che ha svolto tutta la preparazione con i bianconeri ed è rimasto fino alla Supercoppa Italiana, che quindi ha nel palmares. Segnali interessanti anche dal talento brasiliano Gabriel Appelt Pires, in forza anch’esso alla Pro Vercelli dopo si sta ben disimpegnando. Infine non vanno dimenticati Frederik Sorensen e Manolo Gabbiadini, entrambi in comproprietà e in forza al Bologna (Gabbiadini è in compartecipazione con l’Atalanta).

Per l’ex attaccante dell’Atalanta la Juve ha investito 5 milioni di euro per la metà e a giugno il suo cartellino dovrebbe valere attorno ai 14 milioni di euro in totale: niente male.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori