CALCIOMERCATO/ Juventus, Osvaldo a gennaio? Difficile che parta ma se Quagliarella… (esclusiva)

- La Redazione

La Juventus è sulle tracce di un attaccante. Il nome giusto può essere quello di Osvaldo, ma la Roma difficilmente lo venderà. Allora ecco l’idea: uno scambio con Fabio Quagliarella.

Osvaldo_Juventus
Pablo Daniel Osvaldo, 26 anni, seconda stagione con la Roma (Infophoto)

Caccia a un attaccante. E’ questo il diktat di calciomercato della Juventus, che questa sera festeggia il ritorno di Antonio Conte allo Juventus Stadium, nella gara di Coppa Italia contro il Cagliari per la quale ci sarà un incredibile tutto esaurito (per la manifestazione, che di solito non attira tanto pubblico nei primi turni). Nessuno vuole perdersi il saluto al salentino, che è tanto mancato in queste prime partite stagionali, pur se i bianconeri hanno mantenuto il passo e sono in testa alla serie A e qualificati agli ottavi di finale di Champions League. Nella conferenza stampa di presentazione di Juventus-Cagliari l’allenatore è stato categorico: parlando di mercato ha detto che i campioni d’Italia dovranno confermarsi ai vertici in Italia e affermarsi in Europa prima di pensare ad acquistare calciatori del valore di 30-40 milioni di euro. Questo chiude le porte al top player per gennaio; ma non a un attaccante che sia comunque di livello. Fernando Llorente è il nome più caldo, ma a Vinovo non è mai passata di moda l’idea Pablo Daniel Osvaldo. L’italo-argentino della Roma è ormai un punto fermo anche della Nazionale di Cesare Prandelli, e il suo rendimento sta confermando quanto di buono aveva fatto vedere nella Liga con la maglia dell’Espanyol. Undici gol nel suo primo anno in giallorosso, già otto in questo inizio di stagione (più uno in Coppa Italia). Eppure il feeling con Zeman non è di quelli inattaccabili; anzi, spesso il tecnico boemo ha fatto capire di preferirgli Mattia Destro, ritenuto probabilmente più duttile e in grado di fare quel movimento richiesto in attacco. Dall’inizio dell’anno di Osvaldo si è detto di tutto: che Zeman lo avrebbe riproposto esterno come ai tempi di Lecce, che il rapporto si stava frantumando (panchina contro l’Atalanta per “divergenza di vedute”) che a gennaio il calciatore sarebbe comunque partito. La Juventus naturalmente ha drizzato le antenne: Osvaldo può essere quell’attaccante che, in coppia con Vucinic, permetterebbe ai bianconeri di fare il salto di qualità, che la porta la vede eccome e che ha il fisico e la tecnica giusti per essere d’aiuto anche in Champions League. Notizie raccolte in esclusiva da Ilsussidiario.net hanno però mostrato scetticismo sull’affare: “In questo momento mi sembra improbabile che la Roma possa vendere Osvaldo. I giallorossi sono in un ottimo periodo, il giocatore sta facendo molto bene e resta il centravanti titolare. Certo nel calcio può succedere di tutto, ma non credo proprio che la Roma si priverà di lui”. Lo sa anche la Juventus, che dovrebbe mettere sul piatto una cifra vicina ai 15 milioni di euro per assicurarsi il calciatore. Eppure ci sono sempre le “scorciatoie”: l’asso nella manica di Marotta in questo caso potrebbe essere uno scambio che accontenti entrambe le società. Nella rosa dei bianconeri un paio di attaccanti hanno le valigie in mano: 

Sicuramente Matri, la cui prestazione nell’ultimo turno di campionato a Palermo ha fatto capire quanto il ragazzo sia sfiduciato dalle tante panchine. Poi Quagliarella, che è stato assoluto protagonista a inizio novembre ma poi si è perso per strada, rendendosi anche protagonista di una polemica nei confronti di Angelo Alessio che lo aveva sostituito contro il Milan. Proprio lo stabiese potrebbe essere la carta per Osvaldo: recentemente il giocatore si era aperto a una confessione nella quale rivelava come il gioco e la filosofia di Zeman gli fossero congeniali, e aveva quasi “sfidato” i tifosi della Juventus che non annoverano il boemo nella lista di amicizie: “I tifosi hanno la loro opinione, io ho la mia”. Al di là di questo dettaglio, la convivenza tra Quagliarella e Zeman può realmente essere vincente: l’ex giocatore del Napoli può essere impiegato come attaccante centrale o come esterno, perchè ha la gamba per saltare l’uomo e dialogare con i centrocampisti che si inseriscono. In questo modo Destro sarebbe libero di giocare al centro e ci sarebbero forse anche più soluzioni. Di Osvaldo alla Juventus abbiamo già detto: l’italo-argentino rappresenta l’identikit del calciatore che serve a Conte, perchè ha cifre importanti a livello realizzativo ma sa anche creare tanti spazi per i centrocampisti, vero motore della formazione bianconera. Certo, resta una trattativa al momento difficile; ma, come detto, in sede di calciomercato non c’è niente di impossibile.

 

(Claudio Franceschini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori