CONTE-ANGIOLO RADICE/ Gaffe del giornalista Mediset, che non capisce le parole del tecnico (video)

- La Redazione

Il video della brutta figura del giornalista di SportMediaset Angiolo Radice, che durante il servizio della conferenza stampa di Antonio Conte si è lasciato sfuggire un commento colloquiale

conte_gabbiottoR400
Antonio Conte, 43 anni, nel gabbiotto durante la squalifica (INFOPHOTO)

Angiolo Radice, giornalista di Sport Mediaset, è stato protagonista di una brutta figura in diretta, quando ha commentato in toni colloquiali una dichiarazione di Antonio Conte, contenute nel servizio sull’ultima conferenza stampa dell’allenatore bianconero. Il conduttore televisivo non si è accorto che il servizio era finito e la telecamera l’ha così inquadrato mentre esprimeva il suo giudizio sulle parole di Conte. La frase incriminata del tecnico bianconero è: “C’è un eccessivo aspetto mediatico sulla persona. O c’è mediaticità sempre, o non c’è mai: per quello che riguarda me c’è sempre“. Ovvero: i giornalisti si concentrano troppo su alcuni personaggi del modo dello sport, tra cui il sottoscritto Antonio Conte. Per come si è espresso in diretta l’allenatore della Juventus, tornato in panchina dopo quattro mesi di squalifica, poteva effettivamente destare qualche dubbio di significato. Probabilmente il commento di Angiolo Radice è stato lo stesso di qualche tifoso, in ogni caso nella posizione del giornalista bisogna sempre stare attenti, anche agli stacchi della telecamera. Ora che Antonio Conte è tornato a parlare, la stampa ricomincerà a concentrarsi su di lui, divenuto simbolo della nuova Juventus vincente. Non che la squadra abbia risentito della sua lontananza sotto il profilo dei risultati. Conte è stato squalificato da campione d’Italia ammesso ai gironi di Champions, ed è tornato in sella da primo in classifica e qualificato agli ottavi di coppa da primo nel girone. Per di più, non va dimenticato, con una Supercoppa Italiana in tasca. E’ chiaro che il lavoro di Conte sottende quello di Massimo Carrera e Angelo Alessio, i collaboratori che lo hanno sostituito sul campo, durante le partite ufficiali. D’altro canto i giocatori, che pure hanno sempre detto di sentire la mancanza di Conte a bordocampo, si sono comportati alla grande, raccogliendo addirittura più punti in campionato rispetto all’anno scorso. Oggi la Juventus, pur avendo perso l’imbattibilità in serie A, ha 38 punti, 5 in meno della stagione passata (ma con una partita in meno). Contemporaneamente i bianconeri hanno superato la visita d’idoneità europea, e si sono qualificati ai quarti di Coppa Italia. Sarà anche poco chiaro davanti ai microfoni, ma di certo Antonio Conte sa farsi capire dai giocatori.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori