CALCIOMERCATO/ Juventus, Jovetic, Suarez e Sanchez: chi sarà l’erede di Del Piero?

- La Redazione

La Juventus sta completando il proprio organico ma per l’estate pensa al futiro numero 10, che possa raccogliere l’eredità di Del Piero: tre i prescelti, molto costosi ma non impossibili

jovetic_vidal
Stevan Jovetic, attaccante della Fiorentina (Infophoto)

La Juventus sta operando sul mercato per tappare i piccoli buchi della sua intelaiatura vincente. Acquistato Peluso dall’Atalanta, in prestito con diritto di riscatto, i bianconeri si dovrebbero dedicare all’aggiunta di un attaccante (clicca qui per saperne di più). I nomi di Gabbiadini e Borriello sono attuali, più delle candidature estere che costano molto di più. Qui però sia apre una questione vecchia come la scorsa estate. La Juventus infatti punta ancora all’acquisto di un attaccante di prima fascia, il famoso top player che può far fare il definito salto di qualità alla squadra di Conte. Anche perché la maglia numero dieci, quella appartenuta ad Alessandro Del Piero, non ha ancora un proprietario, ed è un peccato considerando che lo stesso Alex l’ha lasciata a disposizione. Quest’estate si pensava che l’onore e l’onere della maglia numero dieci sarebbe toccata a Sebastian Giovinco, che poi però ha scelto il 12, forse su spinta della società che sperava nel grandissimo acquisto. Ma la Juventus aveva già speso molto in luglio per completare la rosa in ogni dove, e così non è riuscita ad acquistare il top player nel mese successivo. Per questo il tormentone si ripropone in vista dell’estate prossima, quando ci sarà più tempo e probabilmente più denaro per mettere a segno un grande colpo. Difficile che sia Llorente, che si libererà a parametro zero e che comunque si fa ancora un pò fatica a catalogare tra i migliori del mondo. Gli eredi di Del Piero, se così vogliamo chiamarli, sembrano tre: Stevan Jovetic della Fiorentina, Luis Suarez del Liverpool e Alexis Sanchez del Barcellona. Il primo è già stato corteggiato a lungo, ma la Fiorentina sinora non ha mollato di un centimetro rispetto alla richiesta di 30 milioni di euro per il suo attaccante. I dirigenti juventini ci riproveranno l’estate prossima, anche sull’onda della volontà di Jovetic che ha ammesso di voler restare in Italia nel caso di addio da Firenze. Il contratto di Jovetic con la Fiorentina scade nel 2016, e attualmente prevede uno stipendio di circa 2,5 milioni di euro a stagione. Anche Luis Suarez del Liverpool costa circa 30 milioni: quest’anno sta segnando con regolarità (13 gol in 19 partite di Premier League). Al Liverpool l’uruguaiano è blindato da un contratto sino al 2018, tuttavia i Reds non stanno andando bene in campionato e potrebbero anche restare nuovamente fuori dalle coppe. Vero è anche che…

…Brendan Rodgers sta costruendo una squadra molto giovane e interessante, e potrebbe volerci solo un pò di pazienza prima di ritrovare il Liverpool nell’etile del calcio europeo. La stessa Juventus, come Conte ha ricordato più volte, ha vinto la scudetto dopo due settimi posti consecutivi. In ogni caso la squadra bianconera potrebbe avere un appeal più immediato per Suarez, che a 25 anni vuole cominciare a vincere qualcosa di importante (a Liverpool ha alzato una Coppa di Lega inglese). Ed eccoci infine ad Alexis Sanchez, il Nino Maravilla. Al Barcellona non può certo considerarsi incedibile, pur avendo solo 24 anni ed essendo stato pagato profumatamente all’Udinese (circa 35 milioni di euro tra cartellino e bonus vari). Per strapparlo al Barça si può puntare su un prestito con diritto di riscatto, o sulla maxi offerta comunque preventivata sia per Jovetic che per Suarez. Senza dimenticare che a giugno il Barcellona potrebbe ricevere i soldi del riscatto di Bojan Krkic da parte del Milan, e magari smussare le proprie pretese su Sanchez. Anche la Juventus, in ogni caso, dovrà valutare bene le proprie mosse: Isla e Asamoah sono in comproprietà con la stessa Udinese, pur se sino al 2015, e prima o poi il loro cartellino andrà riscattato completamente. Il contratto si Sanchez col Barcellona scade nel 2016.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori