CALCIOMERCATO/ Juventus, Tevez può arrivare? I bianconeri devono tifare per Mancini!

Carlitos Tevez potrebbe diventare il nuovo attaccante della Juventus. Se Mancini sarà confermato, l’Apache dovrebbe partire: i bianconeri devono sperare che il City vinca la Premier League.

29.03.2012 - La Redazione
carlos_tevez_r400
Carlitos Tevez, attaccante City (Foto Infophoto)

Può essere Carlos Tevez il nuovo attaccante della Juventus? Sembra incredibile, eppure l’ipotesi c’è. La riporta Tuttosport, che rivela anche il “trucco”: l’Apache arriverebbe in caso di vittoria della Premier League da parte del Manchester City. Perchè? Semplice: se i Light Blues di Manchester trionfano in campionato, unico obiettivo stagionale rimasto, lo sceicco Mansour non avrebbe il minimo problema nel confermare Roberto Mancini sulla panchina dell’Etihad: sarebbe il secondo trofeo conquistato dal manager italiano in due stagioni. Va da sè che con la conferma di Mancini, sarebbe Tevez a fare le valigie. Diciamolo chiaro e tondo: la pace sottoscritta tra l’allenatore e il suo attaccante non convince nessuno. Sembra la classica toppa messa a coprire il buco in situazione di emergenza, ma è una toppa destinata a staccarsi. Al momento, la situazione fa comodo a entrambi: Mancini si gioca la stagione, e un elemento – di valore – in più non può che fargli bene, senza considerare che avere un separato in casa, con influenza nello spogliatoio (era il capitano del City), può rischiare di far esplodere l’ambiente; Tevez ha bisogno di giocare, ritrovare il ritmo partita e in questo modo trovare più estimatori in vista del mercato, oppure guadagnarsi la permanenza a Manchester. Già, perchè c’è anche l’altra ipotesi: quella che a vincere la Premier League siano i cugini dello United, e che quindi a saltare sia proprio Mancini. A quel punto, non ci sarebbe più il “grande nemico”, e l’Apache non avrebbe il minimo problema a continuare a giocare per il City. Insomma, quello che i bookmaker nemmeno quotano da quanto appare scontato è la possibilità che Mancini e Tevez proseguano nel loro rapporto allenatore-calciatore. Allora la Juventus ci spera: Galliani a parole ha chiuso le porte all’argentino, lo stesso PSG sembra essersi raffreddato su quella pista, altre alternative, al momento, non ci sono; e a giugno, la necessità del Manchester City di venderlo potrebbe abbassarne ulteriormente il prezzo. Ovviamente i bianconeri saranno “costretti” a fare il tifo per il loro ex rivale: se Mancini alza la Coppa a maggio, Tevez saluta, questa è l’equazione. Anche se, al momento, Carlitos non è il primo nome sulla lista di Marotta e Paratici: Suarez, Higuain, Van Persie e anche Benzema dovrebbero essere preferiti. 

Ma, se tutti questi dovessero saltare (sono comunque trattative difficili e soprattutto molto dispendiose), allora Tevez acquisterebbe punti. Il valore tecnico dell’Apache non si discute; più che altro, a destare qualche dubbio può essere il ruolo, visto che la Juventus vorrebbe avere una prima punta più letale e meno individualista, l’argentino per caratteristiche potrebbe cozzare con Vucinic sul campo. E poi la carta d’identità: Suarez, Higuain e Benzema sono di tre anni più giovani. Inciderà? Forse. O forse no. Lo scopriremo tra qualche mese.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori