DIRETTA/ Juventus-Atalanta live (Serie A 2011/2012): la partita in temporeale

- La Redazione

Juventus-Atalanta è la partita più importante di quest’ultima giornata di campionato, naturalmente per i tifosi della Juventus. La diretta di Juventus-Atalanta live in temporeale la partita

juventus_conte_festeggia_R400
Una scena di gioia con protagonista Antonio Conte (Foto: Infophoto)

Juventus-Atalanta è la partita più importante di quest’ultima giornata di campionato, naturalmente per i tifosi della Juventus. Ma attenzione a ridurre Juventus-Atalanta al prologo della festa scudetto bianconera, perchè questa partita può valere anche di più. Una Juventus motivatissima (basta sentire le dichiarazioni, per fare un nome, di Barzagli “pensiamo solo a vincere questa partita”) che vuole cucirsi sul petto uno Scudetto ancora più storico perché vinto da imbattuta, senza contare che la finale di Coppa Italia è li che aspetta la gloria di Capitan Del Piero che darà l’addio forse in parte addolcito dal miele di un possibile double. La Juventus quindi cercherà di piegare l’Atalanta per gli ottantatre punti, per lo spettacolo e per dare il via alla festa scudetto nel modo migliore facendo esplodere lo Juventus Stadium di felicità. L’Atalanta dal canto suo non ha da chiedere nulla, stabile a quota quarantasei punti con un grande campionato alle spalle tenendo soprattutto conto della penalizzazione per il calcioscommesse (sperando che per i tifosi della Dea non ci sia dietro l’angolo un altro dispiacere a seguito delle nuove indagini in corso). Naturalmente Juventus-Atalanta potrebbe finire in pareggio, ma il segno X andrebbe benissimo sia a Conte che conserverebbe l’imbattibilità sia a Colantuono che uscirebbe con un risultato comunque prestigioso dalla tana delle Zebre campioni di Italia. L’unica differenza potrebbe farla per gli scommettitori (legali, ovviamente) a cui auguriamo buona fortuna per l’ultimo “bet” sulla Juventus.

La Juventus di Conte ospita l’Atalanta di Colantuono per l’ultima partita prima della meritatissima festa scudetto che proietta nuovamente i bianconeri nella storia del calcio italiano. Lo scudetto può essere davvero speciale, per renderlo tale serve un risultato positivo. I ragazzi del “guerriero” di Lecce lo sanno e non si faranno pregare nel cercare di triturare un’Atalanta senza nulla da chiedere davanti al proprio pubblico. Del resto i numeri di questa Juventus sono impressionanti. In casa i bianconeri hanno raccolto quarantadue punti sugli ottantuno totali, frutto di dodici vittorie e sei pareggi, trentasette gol fatti e solo undici subiti. Nelle ultime cinque gare la Juventus ha totalizzato tredici punti, quanti sono bastati per spezzare il fiato della squadra di Allegri che non è stata in grado di inseguire fino alla fine. Conte per raggiungere il traguardo dell’imbattibilità ha un solo dubbio – sostanziale – e cioè se schierare o meno Del Piero dall’inizio. La finale di Coppa Italia è domenica prossima e li lasciar fuori il Capitano sarà davvero difficile. Di certo c’è che Vidal sarà fuori (squalificato), per il resto in questa stagione baciata dalla fortuna (dal punto di vista degli infortuni) sono tutti a disposizione. Atalanta avvisata: fatti da parte che si scrive la storia.

L’Atalanta di Colantuono si avventura nello Juventus Stadium con il retropensiero di fare uno sgambetto alla capolista. Sarebbe un retrogusto amaro del tutto inaspettato non chiudere imbattuti questo campionato per i tifosi juventini, mentre per i ragazzi di Colantuono sarebbe un gagliardetto meritato essere gli unici a battere la Juventus dopo una stagione di lotta e di risultati esaltanti, frutto di ottime prestazioni dei singoli, ma anche della dimostrazione di un acume tattico non comune per il tecnico romano. A parte il prestigio però i bergamaschi non hanno nulla da chiedere a questa partita, anche se in tempi di calcioscommesse i tradizionali “scansamose” di fine campionato si ono davvero ridotti. Dal punto di vista della formazione Colantuono ha più di un imbarazzo: fuori Stendardo per squalifica, gli infortuni tolgono dall’undici titolare Capelli, Brighi, Marilungo e Consigli. Brutti colpi, ma in fondo se deve essere impresa, contro la Juventus, che impresa sia. E ora la parola al campionato: Juventus-Atalanta sta per cominciare… 

La stanza si aprirà alle 14:55

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori