CALCIOSCOMMESSE/ Carobbio mette nei guai Conte: ci disse che avevamo l’accordo con il Novara

- La Redazione

Non ci sono solo gioie per Antonio Conte in questa stagione. Dopo lo Scudetto della Juventus sono arrivate le accuse di Carobbio per quanto riguarda il Calcioscommesse.

antonio_conte_juve_r400-1
Conte (infophoto)

Non ci sono solo gioie per Antonio Conte in questa stagione. Il tecnico della Juventua al primo colpo ha vinto lo Scudetto con la società bianconera. Una soddisfazione enorme per il tecnico salentino che è stato anche capitano della Juventus di Lippi con la quale vinse tutto in campo nazionale e internazionale. Conte è arrivato per aiutare la Juventus a tornare sui livelli alti che gli competono. L’ex allenatore di Siena e Bari ci è riuscito al primo colpo e domani all’Olimpico contro il Napoli si giocherà la Coppa Italia. C’è la possibilità di un successo doppio. Conte nella scorsa stagione ha portato il Siena in Serie A. Nella squadra toscana giocava anche Filippo Carobbio, oggi coinvolto nello scandalo del Calcioscommesse, ritenuto un testimone attendibile da parte degli inquirenti. Il verbale di Carobbio, che ha parlato sia con Palazzi che con il Pm di Cremona Roberto di Martino. Carobbio aveva già iniziato a parlare di Conte ma oggi sono uscite le dichiarazioni del centrocampista dello Spezia in prestito dal Siena. Due sono le partite su cui gli inquirenti indagano in maniera particolare che riguardano il Siena. La prima è Novara-Siena 2-2 del 30 aprile 2011. Qui Carobbio accusa pesantemente Antonio Conte: “Eravamo tutti consapevoli dell’accordo fatto con il Novara per il pareggio e infatti ne parlammo durante la riunione tecnica. Lo stesso Conte ci disse di stare tranquilli perchè avevamo trovato l’accordo con il Novara. Non so dire chi è stato il primo a mettersi in contatto per concordare la partita. Prima dell’inizio del match parlammo in campo con Bertani e Gheller, giocatori del Novara”. Conte dunque non solo sapeva del risultato concordato ma secondo Carobbio fu lui a tranquillizzare la squadra. In questo caso per il tecnico della Juventus non ci sarebbe solo l’omessa denuncia, l’illecito sarebbe doppio. L’altra gara riguarda Albinoleffe-Siena, ultima giornata di campionato dello scorso torneo di Serie B vinta dai bergamaschi per uno a zero. Carobbio rivela che già dall’andata si era parlato di un accordo per l’ultima giornata: “Dopo la gara d’andata Stellini, vice di Conte, ci ha detto di metterci daccordo per la gara di ritorno in modo da lasciare i punti a chi ne avesse bisogno. Il giorno prima della gara concordammo nel dare i tre punti all’Albinoleffe che servivano per andare ai playout, ma chiedemmo di limitare la sconfitta per questo concordammo l’uno a zero. Qualcuno di noi voleva vincere per prendere il premio del primo posto ma alla fine tutti quanti, allenatore e società compresi, decidemmo per la sconfitta”.

Un verbale scottante che gli inquirenti hanno tenuto nascosto fino a questo momento proprio perchè le accuse di Carobbio sono pesantissime. Conte dovrà sicuramente chiarire la propria posizione dinanzi agli inquirenti e alla giustizia sportiva. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori