CALCIOMERCATO/ Juventus, Caceres riscattato, contratto fino al 2016

- La Redazione

Martin Caceres, tornato alla Juventus lo scorso gennaio, ha appena firmato il contratto che lo legherà ai bianconeri fino al 2016. Esercitato quindi il diritto di riscatto per l’uruguayano.

juventus_martin_caceres_R400
Martin Caceres (Foto: Infophoto)

La Juventus ha vinto lo scudetto, e adesso la dirigenza dimostra la sua riconoscenza verso i protagonisti della splendida cavalcata tricolore. E’ notizia dell’ultima ora (la riporta Sky Sport) il rinnovo di Martin Caceres, che ha firmato fino al 2016 con i bianconeri. Più che di rinnovo, in questo caso, si tratta di riscatto: il laterale uruguayano infatti era arrivato a Torino lo scorso gennaio con l’ormai consueta e abituale formula del prestito con diritto di riscatto. Il Siviglia lo aveva lasciato partire, convinto dalla Juventus che premeva forte, e dallo stesso giocatore, desideroso di tornare a vestire la maglia bianconera dopo una stagione e mezza. Ricorderete infatti che Caceres era stato uno degli acquisti dell’allora direttore sportivo Alessio Secco: nell’estate del 2009 si era unito al gruppo allenato da Ciro Ferrara, preso in prestito dal Barcellona con cui aveva centrato il Triplete ma giocando veramente poco (ovvero mai). In bianconero, il sudamericano aveva ben presto mostrato il suo valore, andando in gol all’esordio (terza giornata di campionato) contro la Lazio, e poi mostrandosi un valido elemento di spinta e difesa sulla corsia destra. Purtroppo, problemi di pubalgia ne frenarono la crescita e la maturità; quando rientrò, ritrovò una squadra che dalla lotta per lo scudetto si era ritrovata invischiata nelle zone Europa League, in crisi di risultati e identità, con l’allenatore esonerato (dentro Zaccheroni) e la formazione rivoluzionata. Non finì bene, la stagione: qualificazione ai preliminari di Europa League, e Caceres non fu riscattato dal Barcellona, perchè il nuovo allenatore Delneri preferì puntare su Marco Motta, già avvezzo al campionato italiano. Non fu una grande scelta, tanto che poi fu lo stesso Motta a salutare, girato in prestito al Catania nel corso dell’ultima stagione. Quest’anno dunque, Antonio Conte ha chiesto e ottenuto il ritorno di Caceres, ritenendolo l’ideale back up di Lichtsteiner che fino a lì aveva giocato tutte le partite e necessitava di un sostituto all’altezza. Dopo una trattativa non priva di difficoltà, l’uruguayano è tornato a Vinovo per un milione e mezzo di Euro di prestito, più il riscatto fissato a circa 6 milioni e mezzo. Un impatto devastante: ancora gol all’esordio, ma stavolta addirittura due, nell’andata della semifinale di Coppa Italia, a San Siro contro il Milan. Poi ha avuto decisamente meno occasioni di mettersi in evidenza, ma è riuscito a timbrare il cartellino contro l’Inter (gol importantissimo per sbloccare la gara) ed è stato utile quando…

… con la difesa decimata, Conte lo ha utilizzato da centrale nella difesa a 4 e lui ha dimostrato di saper reggere la pressione di un ruolo non esattamente suo. Il riscatto è un giusto premio alla costanza e all’attaccamento alla maglia di questo ragazzo, che anche l’anno prossimo non partirà certo titolare ma avrà una vetrina in più, perchè la Juventus tornerà in Champions League. Prosegue dunque la politica dei rinnovi in casa bianconera: dopo De Ceglie, Matri, Quagliarella e lo stesso Conte, adesso c’è anche il riscatto di Martin Caceres. E adesso, sotto con il top player.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori