CALCIOMERCATO/ Juventus, Agnelli difende a spada tratta Conte, Capello può aspettare…

- La Redazione

La Juventus difende e difenderà Antonio Conte fino a quando la posizione del proprio allenatore sarà chiara. In caso contrario è già pronto il piano…C: Fabio Capello

Capello
Fabio Capello (Infophoto)

CALCIOMERCATO – Il nuovo tornado calcio scommesse che ha colpito nelle scorse ore il calcio italiano ha lasciato strascichi pesanti soprattutto in casa Juventus. L’allenatore Antonio Conte è finito infatti nel mirino delle indagini per via, naturalmente, di quanto accaduto durante l’esperienza al Siena e delle presunte combine. Una situazione da cui il manager salentino si è voluto discolpare in maniera netta, accusando la procura di non averlo contattato nonostante lo stesso sia stato sempre a disposizione, e indignato per la perquisizione della propria abitazione di Torino. E c’è chi dice che tali fatti stiano facendo dubitare anche la stessa società di corso Galileo Ferraris. Ieri il presidente di Madama, Andrea Agnelli, intervenuto in conferenza stampa, ha difeso a spada tratta il proprio tecnico: «La Juve società e io personalmente siamo a fianco di Antonio e di Bonucci. Antonio è e sarà il nostro allenatore. Dovremo affrontare la Champions, ci guiderà lui…». In realtà le cose non sarebbero così semplici. Ieri mattina, infatti, ha fatto molto rumore il silenzio dell’amministratore delegato Beppe Marotta, arrivato in Lega calcio a Milano per l’assemblea, così come quello di John Elkann, facente parte della famiglia Juventus. In serata, come abbiamo già spiegato, è uscito allo scoperto Agnelli e fino a quando la posizione di Conte sarà difendibile la Signora ci metterà la faccia. Ma l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva pesa come un macigno sopra la testa di Conte e secondo i più esperti i massimi dirigenti di corso Galileo Ferraris starebbero preparando una sorta di piano B in queste ore nel caso in cui la situazione degenerasse. Trattasi in realtà di un piano C come Capello, visto che sarebbe l’ex commissario tecnico della nazionale inglese a prendere il posto di Antonio Conte in caso di patatrac. Accostato spesso e volentieri alla panchina del Chelsea l’allenatore friulano è da sempre in ottimi rapporti con i vertici aziendali della Juventus e non vedrebbe l’ora di tornare a sedersi su una panchina di un club che gioca in Champions con un progetto interessante, come lo stesso ha spiegato poche settimane fa.

L’idea Juventus lo affascina ancora di più di quella Milan, vista la mancanza di fondi in via Turati, e Capello attende solo una chiamata per iniziare il secondo ciclo bianconero.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori