CALCIOMERCATO/ Juventus, Llorente? Van Persie e Palazzi lo stanno allontanando, ora Marotta ha tanti pensieri…

- La Redazione

La Juventusha iniziato nel migliore dei modi la stagione vincendo la Supercoppa Italiana per quattro a due contro il Napoli. Ai bianconeri manca un altro difensore di livello…

andrea_agnelli
Andrea Agnelli, presidente della Juventus (Infophoto)

Marotta attualmente è concentratissimo per quanto riguarda l’affare Fernando Llorente, ma il rischio che sfumi è sempre più concreto. Il bomber basco dell’Athletico Bilbao ufficialmente sul mercato potrebbe arrivare con una cifra attorno ai 18 milioni di euro (non bassa ma alla portata), ma ci sono due pericoli in agguato. Il primo è quello di un’asta, soprattutto con le squadre inglesi e in particolare l’Arsenal dopo che nella serata di ieri Robin Van Persie si è accasato con il Manchester United. A questo punto la disponibilità economica dei londinesi sarebbe di gran lunga superiore a quella bianconera e una controfferta non potrebbe essere ribattuta da Marotta. La seconda è che il futuro incerto di Bonucci e Pepe impone prudenza, nel caso malaugurato di una brutta squalifica si potrebbe dover correre ai ripari. Per farlo ci vogliono soldi. L’accordo con Llorente sarebbe già stato trovato sulla base di 3,5 milioni di euro più bonus, ma mettere le mani sul cartellino si sta rivelando più proibitivo del previsto. Indebolitasi la pista Dzeko (sempre per “colpa” di Van Persie, che non è arrivato al City) e la pista Pazzini che rimane quindi sempre calda e pronta per essere percorsa d’un fiato negli ultimissimi giorni di mercato. Tornando a parlare di difesa, dopo la Supercoppa Italiana sono in molti a pensare che la Juventus forse avrebbe bisogno di un altro grande difensore, a prescindere da una possibile squalifica di Bonucci. Contro il Napoli Bonucci e Lucio non sono stati all’altezza della situazione (e non è bastato spesso Barzagli a metterci una pezza). Entrambi hanno degli alibi, ma non basta. Il giocatore italiano arrivava da settimane di inferno per via del calcioscommesse con la richiesta di Palazzi di una squalifica per 3 anni e 6 mesi che in questi giorni potrebbe come anticipato ritornare a minacciare il giocatore. Lucio è arrivato quest’anno e si deve ancora integrare nel modulo a tre difensori. Ma con Chiellini e Caceres ancora infortunati, non si dovrebbe correre al riparo ingaggiando un difensore di livello? Il campionato è alle porte e la Juventus dovrà difendere il titolo con le unghie e con i denti. E’ chiaro che se c’è una difesa troppo “ballerina” il rischio è quello di subire troppi gol. Lo scorso anno la Juventus ha avuto la migliore difesa anche e soprattutto grazie a un centrocampo che ha sfoderato un’annata senza sbavature. Ma la Champions League potrebbe cambiare tutto. E così, nonostante la Juventus abbia iniziato nel migliore dei modi la stagione vincendo la Supercoppa Italiana per quattro a due contro il Napoli e il successo abbia messo in luce anche alcuni nuovi acquisti di questo calciomercato estivo targato Juventus, c’è ancora molto da fare per Beppe Marotta. La nota lieta è Asamoah, che è andato in rete con una sventola di sinistro al volo su assist di Vidal che ha sorpreso De Sanctis. Il giocatore ghanese è stato un motorino per tutta la partita schierato da esterno sinistro nel centrocampo a cinque. Con lui la Juventus ha trovato un’opzione in più su quella zona del campo anche se il vero ruolo di Asamoah è quello di interno sinistro nel centrocampo a cinque. Per questo Marotta e soci cercano comunque un esterno. In rosa c’è De Ceglie che però come esterno non si è trovato molto bene nella scorsa stagione, Conte ha dovuto provare anche il paraguayano Estigarribia e Giaccherini in quel ruolo. Il primo è andato via, il secondo no, anche se l’Inter lo guarda con attenzione. Si parla molto di Federico Peluso, esterno sinistro dell’Atalanta, classe 84′, che alcuni rumors di mercato danno ormai per certo alla Juventus. Peluso è reduce da una stagione convincente all’Atalanta e ieri sera ha esordito con la maglia della nazionale maggiore, rischiando anche dopo un bellissimo inserimento su passaggio smarcante di Nocerino di segnare il suo primo gol in maglia azzurra. La sua capacità di coprire tutta la fascia come esterno puro fa gola a Conte che cerca un giocatore duttile ed equilibrato, ma anche atletico e fresco nella spinta. Senza disdegnare ovviamente la tecnica. De Ceglie è uomo affidabile, ma soggetto a infortuni. Peluso sarebbe un ottimo inserimento. E i rapporti consolidati tra Atalanta e Juventus potrebbero portare al doppio colpo Gabbiadini-Peluso, a quel punto la Juventus avrebbe anche un esterno sinistro di livello. Peluso arriva da un campionato importante con la maglia degli orobici. 

Per chiudere: Conte ha voluto la conferma del giovane Masi, ex difensore della Pro Vercelli, che si è ben distinto in questo pre-campionato estivo. Ma il giovane calciatore italiano non può essere certamente visto come il risolutore in difesa. Il budget per la grande punta potrebbe quindi essere rivisto e spostato in parte in difesa per l’acquisto di un difensore di buon livello. Il nome di Bocchetti si è sentito spesso dalle parti di Vinovo questo mese. E non solo per tutelarsi da squalifiche improvvise…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori