JUVENTUS-LAZIO/ Anastasi: bianconeri, ci vuole un centravanti già a gennaio (esclusiva)

- int. Pietro Anastasi

PIETRO ANASTASI commenta per noi la semifinale di andata di Coppa Italia (1-1), e lancia un appello alla società bianconera: serve un grande attaccante, già a gennaio…

mauri_caceres
(INFOPHOTO)

Un altro pareggio per la Juventus contro la Lazio. Dopo lo 0-0 in campionato, la formazione allenata da Petkovic ha fermato allo Juventus Stadium quella allenata da Conte, imponendogli l’1-1 nell’andata delle semifinali di Coppa Italia. Non è bastato il gol di Peluso, a cui ha replicato nel finale di partita la rete di Mauri (clicca qui per le pagelle, qui per il video con gol e highlights della partita). Buona la prova di alcuni singoli della Juventus, ma l’attacco bianconero ha deluso. Tante occasioni da rete di fronte a una Lazio venuta a Torino per cercare il pareggio, ma l’attacco della Juve ha dimostrato ancora una volta la sua sterilità offensiva. Dunque il risultato ha premiato la Lazio, che ora potrà farsi forte di un pareggio con gol in trasferta. Per la Juventus invece ci vorrebbe un acquisto in questa parte finale del mercato di gennaio per rendere più forte il reparto offensivo. Per parlare di Juventus-Lazio abbiamo sentito Pietro Anastasi, grande ex attaccante della Vecchia Signora, che di gol ne faceva davvero tanti. Eccolo in questa intervista per IlSussidiario.net.

Ha avuto ragione Petkovic, Lazio ancora imbattuta a Torino contro la Juventus… In effetti il risultato dà ancora una volta ragione alla Lazio, dopo lo 0-0 ottenuto in campionato. La formazione biancoceleste ha ottenuto il risultato che voleva.

Cosa pensa dell’assetto tattico della formazione biancoceleste, basato su difesa e contropiede? Semplicemente la squadra di Petkovic si è comportata come una provinciale, venendo a Torino per fare le barricate. Gli è andata bene grazie al fatto che la Juventus non ha attaccanti in grado di tradurre in gol tutto il lavoro svolto dalla squadra.
Nella Juventus si è messo in evidenza Peluso. Qual è il suo parere nuovo acquisto? Ha giocato bene senza dubbio, ha espresso un buon calcio e ha anche segnato. Merito a Peluso, che essendo arrivato da poco non conosce ancora fino in fondo tutti gli automatismi della Juventus.
E anche Giaccherini ha disputato un ottima partita: è d’accordo? Sì, anche lui ha corso, si è impegnato fino in fondo, ha dato tanto alla Juventus in questa partita. Un altro giocatore da promuovere.

Deludenti invece le punte: gli spazi ridotti non hanno permesso loro di esprimersi al meglio? E’ quello che vorrei sottolineare: non serve a niente il lavoro di tutta la squadra se poi il reparto offensivo mostra questi limiti. Per il campionato la Juventus potrà essere anche competitiva, ma non così per la Champions. Bisogna che Marotta compri un attaccante, perché serve alla squadra bianconera già sul mercato di gennaio. Se arrivasse Llorente sarebbe un calciatore importante, uno che la mette dentro, capace di realizzare reti che servirebbero molto per raggiungere certi risultati.

E’ stato giusto schierare Marchisio dietro le punte?

E’ stato un esperimento, una scelta nuova decisa da Conte, anche se naturalmente non è il suo ruolo.

Grande prova di Marchetti, come giudica il portiere laziale? Con la Juventus tutti i portieri si esaltano. Marchetti l’ha fatto in più di un’occasione, come già in campionato. La formazione bianconera ha dominato, il numero uno della Lazio ha salvato la sua squadra tante volte.

Come sarà secondo lei la partita di ritorno? Partirà favorita la Lazio, visto che la Juventus dovrà segnare a tutti i costi. Il problema sarà il solito, cioè vedere se gli attaccanti tradurranno in gol tutto il lavoro della squadra.

 

(Franco Vittadini)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori