PAGELLE/ Torino-Juventus Primavera (0-2): i voti della partita e il tabellino con marcatori e ammoniti (Coppa Italia 2012-2013)

- La Redazione

Le pagelle e il tabellino di Torino-Juventus, gara valida per l’andata delle semifinali della Coppa Italia Primavera: i voti, i marcatori e gli ammoniti del derby giovanile della Mole

diana_de_ceglie
Torino-Juventus (INFOPHOTO)

Torino-Juventus, semifinale d’andata della Coppa Italia Primavera, finisce 2-0 per i bianconeri, che ipotecano la qualificazione alla finalissima. Decidono i gol di Matteo Gerbaudo e Andrea Schiavone su rigore, entrambi nella ripresa. Nell’altra semifinale Roma e Napoli hanno pareggiato per 1-1, risultato che favorisce i partenopei in virtù del gol in trasferta.

Nel primo tempo sono mancati i gol ma non le emozioni, la ripresa invece ha riservato meno episodi da taccuino ma gli episodi chiave, come un palo colpito dal Toro e i due gol della Juventus, che indirizzano la qualificazione verso Vinovo. Globalmente la partita è stata sempre equilibrata ma non per questo bloccata in tatticismi, il gol è rimasto nell’aria per lungo tempo prima della zampata di Gerbaudo, che ha sbloccato il risultato al 33′ della ripresa. Complimenti alle due squadre che hanno sempre cercato di vincere.

Nel primo tempo il Torino è apparso messo meglio in campo rispetto alla Juventus, più ordinato tra i reparti e compatto nella manovra. La difesa ha isolato bene il centravanti avversario, Padovan; il centrocampo ha retto bene l’urto con quello juventino ma non sempre è riuscito a supportare l’attaccante di riferimento, il ghanese Gyasi. Nel secondo tempo il Toro è apparso più stanco e ha lasciato più iniziativa e spazi alla Juve, tuttavia il risultato finale punisce oltremodo i ragazzi di Moreno Longo per quello che si visto in campo.

La Juventus ha fatto fatica a rifornire Padovan, perché Beltrame è stato spesso ingabbiato da un attenta marcatura. Meglio sugli esterni soprattutto a sinistra, dove Ceria ha mostrato buona vivacità (a destra invece Ruggiero attivo ma poco incisivo negli spunti). Se non altro la difesa ha retto, pur rischiando in più d’un’occasione. Nel secondo tempo il Toro è calato e i bianconeri hanno preso il controllo delle operazioni a centrocampo, e l’ingresso di Bonatini per uno sfiancato Padovan ha fatto il resto. Il brasiliano ha favorito gli inserimenti da dietro e si è procurato il rigore del 2-0.

Direzione sicura e perlopiù tranquilla, a parte un bisticcio tra Ruggiero ed Aramu nel secondo tempo. Ammonisce poco e bene e concede un rigore giusto alla Juventus.

Torino

Respinge bene un destro di Beltrame nel primo tempo, poi soccombe senza colpe.

Nel primo tempo ingaggia un bel duello con Ceria e spinge molto, con buona efficacia; nel secondo è più diligente ma non soffre.

Bene in marcatura ma causa ingenuamente il rigore del 2-0.

Ventura lo tenga d’occhio: annulla Padovan, rilancia l’azione e giuda la difesa con tempismo.

Non sale molto e contiene Ruggiero senza troppi patemi.

Molto pericoloso nel primo tempo: dribbla, serve un bel cross e sfiora il gol due volte. Nel secondo cala un pò dal 40’st FIRRIOLO s.v.

Bel match contro Schiavone, a livello tecnico e atletico: fanno un tempo a testa, a lui il primo.

Qualche suggerimento interessante in verticale e un buon apporto agonistico dal 13’st BARRECA 5,5 Entra col centrocampo un pò in riserva e non riesce a rialzare il reparto.

Non si fa notare quasi mai dal 40’st BARBOSA Rientrato tardi dal Portogallo, entra a giochi fatti.

Pericoloso nei tagli alle spalle di Gyasi e verso sinistra, oltre che sui calci da fermo. Nel secondo tempo però si concede lunghe pause.

Gli manca “solo” il gol perché lotta, si arrangia anche con assistenze casuali (rilanci da dietro), sfiora il gol di testa e coglie il palo di forza.

All.LONGO 6 Il suo Torino è ben messo in campo ma deve essere più cattivo: forse doveva inserire un altro attaccante di ruolo per aiutare Gyasi.

 

Juventus

Importante per tenere lo 0-0: gran parata su Coccolo a fine primo tempo.

Diligente, sia in marcatura che in appoggio: gli basta per controllare Affinito.

Guida la difesa ma soffre un pò la fisicità di Gyasi, che gli sfugge più d’una volta.

Gioca di fisico ma soffre la rapidità di Coccolo.

Si propone in maneira costante sulla fascia destra, ma non trova guizzi importanti.

Si muove molto in mezzo al campo ma non sempre è preciso nelle esecuzioni: sbaglia qualche passaggio di troppo.

Duella con Gatto nel cuore del gioco, emerge nella ripresa in cui segna il rigore della staffa.

Redime una prestazione un pò insicura con il gol di rapina che vale l’1-0, importantissimo per spaccare gli equilibri.

Nel primo tempo ha l’argento vivo e offre più d’uno spunto interessante; nel secondo ha meno energie e si vede meno.

Ben marcato, deve mettersi in proprio: quando accelera è spesso pericoloso.

Annullato da Cinaglia, deve arretrare sino a centrocampo per un pò di libertà. Un sinistro al volo nel primo tempo e stop dal 18’st LEO BONATINI 6,5 Entra e mostra subito buona tecnica e movimenti furbi. guadagna il rigore del 2-0 e sfiora il gol di testa.

All.BARONI 6,5 Bloccato per un tempo, ha il merito di inserire Bonatini al momento giusto.

 

Il tabellino

Marcatori: 33’st Gerbaudo, 38’st rig.Schiavone

Torino Primavera (4-4-2): A.Gomis; Astone, Ignico, Cinaglia, Gentile; Coccolo (40’st Firriolo), Gatto, Cibrario (13’st Barreca), Affinito (40’st Barbosa); Aramu, Gyasi (Saracco, Napoli, Cargnino, Fumana, Dominin, Parodi, Rosso). All.Longo.

Juventus Primavera (3-5-1-1): Citti; Penna, Rugani, Laursen; Ruggiero, Kabashi, Schiavone, Gerbaudo, Ceria; Beltrame; Padovan (18’st Leo Bonatini) (Gagliardini, Tavanti, Romagna, Slibka, Lanini, Vitale, Di Benedetto, Josipovic, Braccini). All.Baroni.

Arbitro: Dei Giudici

Ammoniti: Ignico (T), Penna (J) per gioco scorretto, Ruggiero (J) e Aramu (T) per comportamento non regolamentare.

 

(Carlo Necchi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori