CALCIOMERCATO/ Juventus, Favini: Pazzini? Con Balotelli non farà salti di gioia, in bianconero… (esclusiva)

- int. Mino Favini

MINO FAVINI è l’uomo che nell’Atalanta ha scoperto Giampaolo Pazzini: in questa esclusiva ci dice come l’attaccante toscano potrebbe reagire all’arrivo di Mario Balotelli al Milan.

pazzini_Juve
Giampaolo Pazzini (Infophoto)

L’arrivo di Mario Balotelli al Milan rischia di complicare i piani di Giampaolo Pazzini. Il bomber di Pescia stava vivendo forse il suo miglior momento da quando la scorsa estate si è trasferito a Milanello: dopo un periodo difficile si era sbloccato in termini realizzativi, fino a riprendersi un posto da titolare nell’undici di Massimiliano Allegri e a raggiungere la doppia cifra di gol in campionato. Adesso, di punto in bianco, si ritrova la concorrenza in casa, e che concorrenza: Super Mario Balotelli, un attaccante giovane e potenzialmente fortissimo, come ha già ampiamente dimostrato al netto dei suoi problemi caratteriali. Quale futuro allora per il Pazzo? Andrà a finire come nell’Inter, quando per lui si chiusero le porte e fu costretto a emigrare dall’altra parte della città? Possibile: le ultime indiscrezioni dicono che la Juventus sta seriamente pensando di acquistare l’attaccante del Milan. Non sarebbe la prima volta che i bianconeri si approcciano a lui: la presenza di Beppe Marotta, l’uomo che lo portò alla Sampdoria e con lui visse la cavalcata fino ai preliminari di Champions League, è un ottimo viatico all’affare. Come se non bastasse i bianconeri sono in crisi da gol: forse la risolverà Nicolas Anelka, ma per il momento – si è visto anche ieri sera – la squadra di Conte fatica tantissimo in zona gol, tanto da far pensare che magari un pensierino a Balotelli i campioni d’Italia avrebbero potuto farlo. Sarebbe il classico accordo che rende tutti soddisfatti: Pazzini trova una squadra nella quale essere protagonista, la Juventus trova il suo bomber (magari non top player, ma uno che i gol li fa), Allegri si toglie l’imbarazzo di dover lasciare in panchina un giocatore da 10 gol in metà stagione. Si chiuderà? Nell’attesa di capirlo abbiamo chiesto un commento a Mino Favini, l’uomo che a Bergamo ha scoperto il Pazzo, su come il calciatore possa aver preso la notizia dell’arrivo di Balotelli al Milan e se davvero possa decidere di cambiare aria. In esclusiva a Ilsussidiario.net, Favini ci ha spiegato come Pazzini viva questo momento.

Balotelli al Milan: come l’avrà presa Pazzini? Non ho parlato direttamente con lui, non sono ancora riuscito a sentirlo; è chiaro però che Giampaolo non può fare salti di gioia, perchè arriva un concorrente importante con il quale dovrà condividere la scena. Si vedrà portar via qualche opportunità ma ripeto, con lui non ho parlato; certo la notizia era nell’aria. Non so come la prenderà, ma una cosa posso dirla.

Quale? Pazzini i gol li ha sempre fatti e sempre li farà: chiunque lo prende non sbaglia. E’ vero che ha degli alti e bassi, anche lui come tutti soffre di qualche periodo no; ma chi dovesse acquistarlo si garantirebbe un bel gruzzoletto di gol.

Per cui la Juventus farebbe un affare prendendolo… Sicuramente sì: Pazzini può dare garanzia per il rapporto tra occasioni creati e reti segnate. Ripeto, a volte ha dei momenti bui, ma poi si riprende e segna a raffica; penso l’abbia dimostrato dovunque ha giocato.

Dal punto di vista psicologico come pensa che reagirà? 

Certamente non è una cosa piacevole per lui; è inutile girare attorno al problema, arriva un attaccante altrettanto forte e questo diminuirà le sue presenze in squadra. Giampaolo però è ben visto dalla società, dai compagni, da tutti quanti. Potrebbe anche succedere una cosa.

Ovvero? Con l’arrivo di Balotelli le ambizioni del Milan cambieranno, quindi può essere che Pazzini decida comunque di restare e di godere dei momenti di “notorietà” e visibilità che ancora avrà. Magari vorrà ancora mettersi in gioco e anche in questo contesto per lui più complicato dimostrare quali sono le sue qualità di bomber, che ha sempre messo in luce.

 

(Claudio Franceschini)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori