Calciomercato Juventus, le notizie al 16 luglio 2013

- La Redazione

Le ultime notizie di calciomercato sulla Juventus al 16 luglio 2013: Giaccherini-Sunderland è ufficiale oggi con tutta probabilità, Quagliarella-Norwich si può fare, assalto a Kolarov

Kolarov
Aleksander Kolarov (Infophoto)

È un calciatore del Sunderland; o meglio, ancora no perchè il transfer non è ancora arrivato e quindi i Black Cats non hanno potuto ufficializzare l’acquisto del centrocampista toscano. Ormai però è fatta: ieri Giaccherini ha completato le visite mediche presso Riva del Garda, dove la squadra allenata da Paolo di Canio sta sostenendo il ritiro in vista della prossima stagione. Come abbiamo già detto si tratta di una cessione dolorosa ma necessaria; adesso la Juventus può veramente andare a caccia dell’esterno sinistro, anche se c’è un po’ di tristezza nel sapere che proprio ieri Mario Gomez è arrivato a Firenze ed è stato presentato davanti a 25.000 tifosi in festa, e così la Fiorentina può finalmente vendere Stevan Jovetic. Fali Ramadani è pronto ad andare in Inghilterra e chiudere con il Manchester City per 27-28 milioni di euro più bonus, un prezzo che i bianconeri in questo momento non potevano sostenere. Pazienza: loro in attacco sono a posto, e con qualche sforzo in più in uscita possono mettere ulteriore forza sulle corsie. Nel giro di un paio di giorni si dovrebbero chiudere altre due cessioni: la prima è quella annunciata di Mauricio Isla, che lascerà Torino per andare all’Inter. C’è ancora una distanza minima tra le parti, ma sembra che ormai sia fatta e si dice che già nella giornata di domani il cileno possa raggiungere i nuovi compagni nel ritiro di Pinzolo. Prezzo dell’operazione: circa 7 milioni di euro, magari qualcosa meno ma anche il risparmio sull’ingaggio. Con lui partirà anche Felipe Melo, che tecnicamente è sotto contratto con la Juventus ma si prepara a fare ritorno per la terza volta al Galatasaray; questa volta però a titolo definitivo, per 4 milioni di euro che Marotta incasserà molto volentieri, essendo che il calciatore non interessa più da tempo. A proposito di Brasile, sembra che Marotta abbia messo gli occhi sul 18enne Adryan, un possibile sostituto di Pirlo che gioca nel Flamengo ma costa molto. In ogni caso, queste due cessioni aprono al tesoretto della Juventus: servirà per Aleksandr Kolarov, a oggi il preferito di tutti, da Marotta a Conte ai tifosi, passando anche per Kwadwo Asamoah che ha parlato da diretto interessato e ha fatto sapere che la concorrenza non lo spaventa, che è pronto a giocarsi il posto e che con l’arrivo del serbo la squadra sarà ancora più forte. Un sondaggio tra i tifosi si è risolto in una sorta di plebiscito in favore del laterale del Manchester City, anche se il nome di Zuniga continua a venir fuori visto che ci sarebbe già un assenso a trasferirsi alla Juventus. A dire la verità i tifosi hanno “chiamato” altri due calciatori: uno è Marcelo che potrebbe partire dal Real Madrid ma ha un ingaggio importante, l’altro è quello di Nani che non sembra più essere nel mirino di Marotta. Chi lo è invece è Richmond Boakye: sul ghanese ci sono gli interessi di tante squadre europee e la complicazione per i bianconeri arriva dal Sassuolo, perchè il direttore generale Nereo Bonato ci ha detto in esclusiva che l’arrivo di Simone Zaza chiude gli spazi a Boakye. Le soluzioni possibili? Di sicuro il prestito in un’altra squadra, in alternativa la cessione della propria metà (l’altro 50% è del Genoa), ad esempio c’è il Levante che preme e chissà, Marotta potrebbe anche decidere per un’altra plusvalenza sul ragazzo e altri soldi per il mercato in entrata (non si perde di vista Alessandro Diamanti, e se il Bologna si “accontenterà” dei 10 milioni che ha sempre chiesto la Juventus potrebbe averli presto). Si parla poi di uscite anche per quanto riguarda Alessandro Matri e Fabio Quagliarella: in particolare il secondo sembra essere finito nel mirino del Norwich, come abbiamo riportato, e pare proprio che l’offerta ci sia e sia anche di 7 milioni di euro come era filtrato. Fosse così, probabilmente i campioni d’Italia non avrebbero il minimo problema ad accettare, perchè potrebbero sfoltire la rosa e mettere in cassa altri soldi. Non si sa mai: a gennaio potrebbe esserci bisogno di intervenire per andare a caccia della Champions League.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori