Calciomercato Juventus/ News, Paramatti: Conte? La società risponda. Sanchez ideale, Pogba può partire (esclusiva)

In esclusiva per IlSussidiario.net, l’ex giocatore bianconero Michele Paramatti parla delle ultime news di calciomercato relative alla Juventus, dal futuro di Conte a Paul Pogba

07.05.2014 - int. Michele Paramatti
conte_pogba
Foto: InfoPhoto

Questa volta non basterà un semplice abbraccio per tornare a pensare insieme alla prossima stagione. Questa volta i dirigenti della Juventus dovranno usare mezzi più convincenti per trattenere Antonio Conte. Il tecnico della Juventus ha dichiarato di voler valutare a fondo il suo futuro, sa bene che questa squadra non può spingersi oltre e ha bisogno di innesti importanti durante il prossimo calciomercato. Altrimenti sarà addio. In esclusiva per IlSussidiario.net, l’ex giocatore bianconero Michele Paramatti ha parlato del calciomercato della Juventus.
I tifosi della Juventus dovranno preoccuparsi delle parole di Antonio Conte? Antonio è un vincente e se ha detto quelle parole è per il bene della Juventus. Conte vuole vincere anche in Europa.
Un messaggio per la società? Sì, Conte sa bene che in Italia la squadra è già arrivata al top e non può migliorare, ma in Europa invece ci sono diversi miglioramenti da fare.
Serviranno giocatori importanti? Certamente, per questo Conte vuole alzare il livello della squadra con acquisti mirati, giocatori di grande livello.
Dalla Spagna continuano a parlare di un trasferimento di Sanchez alla Juventus. Che ne pensa? Sanchez ha dimostrato il suo talento non solo in Italia con la maglia dell’Udinese ma anche in Spagna con quella del Barcellona. Sarebbe perfetto per Conte anche come esterno destro, nel tridente d’attacco che ha in mente il tecnico bianconero.
Pogba potrebbe andare via: sarebbe un errore? Nel calcio le cessioni ci sono sempre state, ma spesso non sono state un male per la squadra. La Juventus dalla cessione di Zidane riuscì a costruire una squadra ancora più forte, con Pogba la situazione potrebbe ripetersi.

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori