Juventus, caso punizioni “Non deve tirarle Cristiano Ronaldo”/ Statistiche contro CR7

Punizioni Juventus, Cristiano Ronaldo nel mirino: 42 errori su 42 occasioni, i tifosi invocano Paulo Dybala e Miralem Pjanic.

punizioni juventus
La Juventus vuole qualificarsi ai quarti di Champions League (Foto LaPresse)

E’ caso punizioni in casa Juventus. Punto di forza dei bianconeri negli ultimi anni, con Paulo Dybala e Miralem Pjanic sugli scudi, la situazione è mutata con l’arrivo di Cristiano Ronaldo a Torino: tutti i calci da fermo, da vicino o da lontano, sono divenuti di proprietà di CR7 ma le statistiche inchiodano il fuoriclasse portoghese. Su 42 punizioni calciate in 29 partite tra Serie A e Champions League ha commesso 42 errori, l’ultima segnatura risale al Mondiale di Russia 2018 in Spagna-Portogallo. Come sottolinea il Corriere della Sera, i tifosi iniziano a spazientirsi e invocano a gran voce Dybala e Pjanic. E attenzione anche al commento dei grandi ex bianconeri, come Alessandro Del Piero che parla «di clausola nel contratto»: «Ronaldo le tirerà dai 30 metri in su, gli altri due compagni sono specialisti dei tiri ravvicinati».

PUNIZIONI JUVENTUS, LE STATISTICHE INCHIODANO CR7

Fabio Capello ha affermato che Dybala e Pjanic «sono più bravi di Cristiano Ronaldo, che le calcia in un solo modo». Sul tema è intervenuto anche il tecnico Massimiliano Allegri alla vigilia di Atletico-Juventus: «Non so chi batterà le prossime punizioni tra Ronaldo, Pjanic e Dybala: per me da domani le può tirare anche Matuidi. Peggio di così non possiamo fare: speriamo di segnare presto». In conferenza stampa ha parlato anche Miralem Pjanic, tra i migliori tiratori di calci da fermo in circolazione: «Chi batterà le punizioni tra me e Cristiano? E’ molto motivato e lo ha dimostrato negli ultimi anni in Champions League: vorrà vincere come gli altri ed è un calciatore importante. Sulle punizioni vedremo, intanto tocca averle e fare gol: da vicino magari le batterò io, da lontano lui o altri, però prima bisogna conquistarle».



© RIPRODUZIONE RISERVATA