Keita, scherzo Iene ha aggravato infortunio?/ Video mai andato in onda: è giallo

- Dario D'Angelo

Keita Baldé a fine stagione lascerà l’Inter: ma un po’ di colpe sono anche delle Iene, un loro scherzo finito male ha forse aggravato il suo infortunio…

keita 2019 instagram
Keita Baldé, foto Instagram

Keita Baldé vittima delle Iene. Ma in questo caso la parola “vittima” non è un’esagerazione per definire il protagonista dello scherzo della trasmissione di Italia Uno. A quanto pare l’attaccante senegalese dell’Inter ha infatti pagato a carissimo prezzo la verve comica delle Iene, al punto che il suo percorso in nerazzurro rischia di essere compromesso proprio a causa di uno scherzo riuscito male. A svelare il retroscena è La Gazzetta dello Sport, secondo cui Keita sarebbe finito nel mirino delle Iene la sera del 17 febbraio, dopo Inter-Sampdoria. E’ il periodo in cui in casa Inter a tenere banco è il caso Icardi e con il solo Lautaro a disposizione mister Spalletti ha bisogno di attaccanti come il pane. Keita dopo aver segnato con l’Empoli si è procurato il 16 gennaio una distrazione muscolare, ma il suo rientro è questione di giorni. O almeno così sembrava prima dello scherzo delle Iene.

KEITA, INFORTUNIO AGGRAVATO DA SCHERZO IENE?

Cos’è successo al ritorno da San Siro dopo Inter-Sampdoria? Keita Baldé, secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, viene attirato dalle Iene in un noto hotel di Milano: è evidentemente una trappola che gli autori di Italia 1 hanno architettato con l’aiuto della fidanzata Simona Guatieri. Ma qualcosa quella sera non va come dovrebbe, lo scherzo supera i limiti, al punto che non viene mandato in onda per decisione dell’attaccante, che non firma la liberatoria. In quell’albergo si vivono attimi concitati e Keita, chissà per quale motivo, si ritrova a scappare. Cosa c’entra con il suo percorso all’Inter? Risposta: il giorno dopo Spalletti e lo staff medico verificano una situazione fisica dell’attaccante peggiorata. Il tecnico di Certaldo, prima del match successivo col Rapid, ammette in conferenza stampa: “Keita? Pensavamo di averlo già a disposizione, purtroppo non è così, non so dire quando tornerà”. Il rientro si materializzerà 20 giorni più tardi: tre settimane in cui Keita avrebbe potuto provare a scrivere il suo destino. Ora pensare che l’Inter possa sborsare 34 milioni per il suo riscatto è fantascienza. Chissà, senza quello scherzo…



© RIPRODUZIONE RISERVATA