CALCIOMERCATO / Milan, il punto sul mercato al 12 gennaio: David Luiz, Ronaldinho e Onyewu

- La Redazione

Due addii ufficiali e un colpo in vista per i rossoneri

ronaldinho_azione_R400_8ott10
Ronaldinho, trequartista Milan (Foto Ansa)

Il Milan saluta due giocatori in un giorno solo. Ieri è stato l’ultimo giorno in rossonero per Ronaldinho e Oguchi Onyewu. Il primo è andato al Flamengo, il secondo al Twente.

Intanto il Milan cambia strategia per il mercato in entrata. La priorità non è più la ricerca di un rinforzo a centrocampo, bensì puntellare la difesa. Tanti nomi sono circolati ieri, ma il colpo in vista è il brasiliano del Benfica David Luiz. Un centrale adattabile anche a terzino.

DAVID LUIZ: Thiago Silva lo aveva detto in tempi non sospetti. David Luiz potrebbe essere il futuro del Milan, oltre che della Selecao. E in via Turati sembrano essersi convinti, tanto che l’assalto al 23enne difensore del Benfica inizia già in gennaio. La speranza di Galliani e soci è convincere Berlusconi a mettere mani al portafogli per regalare ad Allegri un giovane prospetto di campione. Con poco meno di 15 milioni l’affare va in porto. Al Milan ci credono e l’amicizia di Rui Costa può avere un ruolo decisivo nella trattativa.

CLICCA QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE NEWS CALCIOMERCATO MILAN

RONALDINHO: La telenovela Ronaldinho ha finalmente visto la parola fine. Dinho è ufficialmente un giocatore del Flamengo da ieri. Il Milan saluta il Gaucho e incamera 3 milioni di euro, che aggiunti al risparmio sullo stipendio del brasiliano fanno un bel gruzzolo di milioncini in cassa. Ronaldinho intanto è carico per la sua nuova avventura. “Con il Flamengo tornerò presto in nazionale”, dice sul sito della società carioca.

 

ONYEWU: Se Dinho lascia Milanello in pompa magna, dalla porta di servizio esce un altro giocatore. Oguchi Onyewu se ne va in prestito al Twente, dove troverà il suo ex allenatore allo Standard Liegi Michel Preud’homme. Dopo un anno e mezzo incolore, il colosso statunitense può ridare smalto alla sua carriera. In bocca al lupo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori