CALCIOMERCATO / Milan: Van Bommel, Balotelli e Ganso – Il punto sul mercato al 25 gennaio

- La Redazione

L’olandese in arrivo dal Bayern Monaco

Van20Bommel_Bayern_R400
Mark Van Bommel

Mark Van Bommel potrebbe già oggi diventare un giocatore del Milan. Mino Raiola è a Monaco di Baviera per strappare il sì del Bayern e tornare a Milano con il centrocampista olandese. Il procuratore intanto torna anche a parlare di Balotelli, smentendo categoricamente che possa arrivare a breve al Milan. E aggiungendo che neppure lui se lo augura. Capitolo Criscito: nonostante le voci di incontri segreti tra Galliani e Preziosi, la trattativa è rimasta ancora bloccata.

VAN BOMMEL: Van Bommel con ogni probabilità sarà il prossimo rinforzo del Milan per il mercato di gennaio. Al Bayern andranno 1,5 milioni di euro, mentre il giocatore 33enne firmerà un contratto con scadenza giugno 2012. A Raiola il compito di definire i dettagli con il club bavarese nella giornata odierna.

CLICCA QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE DI CALCIOMERCATO MILAN

BALOTELLI: Lo stesso Raiola ha risposto per l’ennesima volta alle voci che vorrebbero Mario Balotelli in rossonero in un futuro prossimo. “Non capisco perché Mario sia continuamente accostato al Milan. Io, come il giocatore, ho dichiarato in più di un’occasione che resterà per almeno due, tre anni al Manchester City. Lui è felice e io stesso non voglio che torni in Italia. Il mio desiderio è che faccia bene qui e che segni molti gol con il City. Mettiamoci un punto sulla questione, non ne voglio più parlare, in Italia lo sanno, è un capitolo chiuso”.

 

GANSO: Ma se il futuro non sarà Balotelli, allora potrebbe arrivare nuovamente dal Brasile. Basta leggere il Corriere dello Sport in edicola oggi per sognare. Adriano Galliani infatti avrebbe in mente di fare un altro, grande sgarbo all’Inter e all’amico Leonardo soffiando Paulo Henrique detto Ganso ai cugini. Quello che Thiago Silva, saggio consigliere della coppia Galliani-Braida sul mercato brasiliano, ha recentemente definito il nuovo Zidane. Vedere per credere. Anzi, in questo caso meglio leggere per credere…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori