MALORE CASSANO/ La società: ictus ischemico ipotesi non verificata, le condizioni migliorano

- La Redazione

Il Milan non ci sta e cerca di porre un argine alle dichiarazioni e alle notizie che si sono scatenate dopo l’ufficializzazione del ricovero di Antonio Cassano al Policlinico di Milano

galliani_milan_r400
Adriano Galliani (Foto: ANSA)

Il Milan non ci sta e cerca di porre un argine alle dichiarazioni e alle notizie che si sono scatenate dopo l’ufficializzazione del ricovero di Antonio Cassano al Policlinico di Milano. Lo fa con un secco comunicato pubblicato sul sito ufficiale e che però non fuga tutti i dubbi rispetto all’ipotesi di un ictus ischemico che avrebbe colpito il giocatore. La notizia di una prima diagnosi effettuata al Policlinico e che parlava di un ictus ischemico che avrebbe colpito Antonio Cassano è stata diffusa dall’agenzia ANSA e subito diversi commentatori hanno provato ad approfondire diagnosi e retroscena. Tanto da indurre il Milan a un comunicato che – alla lettera, e tra le righe – dà due notizie positive e lascia purtroppo qualche motivo di apprensione. Partiamo dalle notizie positive. “Antonio Cassano – si legge – è in fase di netto miglioramento e nei prossimi giorni sosterrà ulteriori esami medici”. Fortunatamente FantAntonio si sta riprendendo, e a giudicare da chi ha avuto modo di entrare in contatto con lui – a partire dal procuratore Bozzo, a diversi compagni di squadra pur se solo telefonicamente o via sms – Antonio Cassano sarebbe nel pieno possesso delle sue facoltà e di buon umore. Insomma non avrebbe sintomatologie particolari di malessere, elemento giudicato positivamente da diversi medici interpellati “in generale” sul caso in questione. Vero, ci si aspettava ben altro, magari una dichiarazione che definisse con precisione il malore che ha colpito Cassano, magari una fotografia di lui sorridente fatta in ospedale, un video girato magari con un telefonino e caricato su youtube, o anche un solo un messaggio di rassicurazione via Twitter, come è molto di moda oggigiorno tra gli sportivi. Purtroppo, per ora, nulla di tutto questo. Quantomeno, il fatto che nei prossimi giorni si svolgeranno altri esami medici la dice lunga sull’attenzione e la scrupolosità con cui il gioiello di Bari vecchia è monitorato e seguito passo passo. Altra notizia positiva. Quello che lascia però spazio a qualche preoccupazione è la mancanza di una smentita ufficiale sull’ipotesi di ictus ischemico. Attorno alle venti dalla struttura – che ha fino ad ora mantenuto strettissimo riserbo sulle condizioni di Cassano – è stato reso noto che non sono previsti “bollettini medici sulle condizioni di Antonio Cassano nelle prossime ore, né altri ne sono stati diffusi in precedenza”. Insomma, cosa abbia colpito Antonio Cassano ancora è un mistero, ma l’ictus è una delle ipotesi compatibile con i sintomi descritti che non sono stati smentite ufficialmente. L’invito della società rossonera è in ogni caso in linea con lo stile di estrema sobrietà di via Turati. 

Non è da considerarsi verificata alcuna dichiarazione che non provenga dai medici che hanno in cura Cassano (e non ce ne saranno) o dallo staff medico rossonero (e l’ultima è ancora quella del dott. Tavana).
Insomma meglio aspettare e vedere che cosa succede, anche se le condizioni di salute un personaggio noto e amato come Antonio Cassano hanno già suscitato in tantissime persone un estremo interesse. Che non diminuirà nelle prossime ore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori