DIRETTA/ Fiorentina-Milan live (Serie A 2011/2012): segui e commenta la partita in temporeale

- La Redazione

Fiorentina-Milan è uno dei due anticipi delle 20:45 di questa dodicesima giornata del campionato di Serie A. La diretta di Fiorentina-Milan live in temporeale

delio_rossi_R375x255_10giu09
Delio Rossi (Foto: ANSA)

Fiorentina-Milan è uno dei due anticipi delle 20:45 di questa dodicesima giornata del campionato di Serie A. La Fiorentina non vede l’ora di scendere in campo per questa difficile sfida contro il Milan forte dell’entusiasmo che l’esonero di Mihajlovic e, soprattutto, l’ingaggio di Delio Rossi hanno suscitato nella tifoseria. Ferma a 12 punti la Fiorentina deve cercare di cominciare a fare punti a palate per tornare a lottare per grandi traguardi europei, e il punteggio pieno oggi manderebbe in delirio il Franchi. Dal canto suo il Milan, devastante nelle ultime cinque giornate di campionato, deve spiccare il volo da quota venti e cercare di andare in testa alla classifica per rimanerci almeno oggi – altri campi permettendo. Fiorentina-Milan in ogni caso è una partitissima e nessuno pensa davvero a un risultato di parità. Se però Fiorentina-Milan dovesse finire con il segno X è innegabile che per Delio Rossi sarebbe un punto d’oro, mentre per Allegri il mezzo passo falso complicherebbe la tabella di marcia verso il titolo di campione d’inverno…
La Fiorentina si prepara a ricevere il Milan orfana di “JoJo”. Stevan Jovetic infatti non sarà della gara a causa dell’infortunio con la nazionale che lo terrà lontano dai campi per qualche giorno. Delio Rossi non lo forza ed è curioso di vedere come la sua nuova Fiorentina reagirà allo “shock” del campo, e con un avversario di spessore come il Milan. Il Cammino della Fiorentina nelle ultime cinque partite è stato piuttosto incostante: due pareggi, una vittoria e due sconfitte. Cinque punti che non possono certo soddisfare l’ambizione di proprietà e tifosi, che si aspettano ben altri traguardi. Difficile dire se la rivoluzione targata Delio Rossi comincerà fin da oggi con uno stravolgimento tattico e di interpreti radicale o se cercherà di appoggiarsi ancora alle (poche) certezze dell’era Mihajlovic. Una di queste certezze, che nelle ultime gare si è un po’ smarrita, è certamente Alessio Cerci che ha perso lo smalto delle prime gare, ma con il modulo di Rossi potrebbe riacquistarlo. Di certo non ci sarà Vargas, appena tornato dalla nazionale e nemmeno convocato. In difesa la squalifica di Natali costringerà all’impiego di un giovane: a chi toccherà contrastare Ibrahimovic tra Camporese e Nastasic?
Il Milan di Allegri deve dimostrare che anche contro una Fiorentina sulle ali dell’entusiasmo la musica del campionato non cambia: bisogna vincere. La rimonta non è ancora compiuta e il Milan non può permettersi di rallentare. Contro i viola non potrà esserci Boateng (ancora squalificato) e oltre alla solita carrellata di giocatori in infermeria Allegri non potrà contare nemmeno su Mexes e El Shaarawy. Insomma le premesse non sono esaltanti, ma se il Milan resiste all’assenza di Cassano tutto il resto passa in secondo piano. In particolare Van Bommel ed Emanuelson potrebbero non farcela, ma sono pronti Ambrosini e Seedorf a gettarsi nella mischia. Il Milan arriva come ricordavamo da cinque vittorie consecutive in cui è stato capace di realizzare diciotto reti, subendone sei. Un rullo compressore, che dà l’idea di volersi fermare solo quando sarà solo in vetta. Ma questo lo dirà il campo, perchè Fiorentina-Milan sta per cominciare…

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori