SERIE A/ Fiorentina-Milan (0-0): sintesi e video highlights (dodicesima giornata)

- La Redazione

E’ finita a reti inviolate la gara tra Fiorentina e Milan. Partita corretta, saranno solo due gli ammoniti alla fine. Nessun gol, ma tante emozioni. Video: Fiorentina-Milan, gli highlights

massimiliano_allegri_r400
Massimiliano Allegri (foto Ansa)

E’ finita a reti inviolate la gara tra Fiorentina e Milan. Partita sostanzialmente corretta, saranno solo due gli ammoniti alla fine, Valon Behrami per la Fiorentina, Alberto Aquilani per il Milan, ma certo non per questo poco combattuta. Dal punto di vista del risultato, sicuramente, sono due punti persi quelli da Ibrahimovic & co. questa sera al Franchi. Il Milan si presentava a Firenze, forte di 5 vittorie consecutive. Ed erano anche 5 su 5 i successi rossoneri negli ultimi scontri tra le due compagine. Rossoneri dunque con l’amaro in bocca, visto soprattutto il largo possesso palla (63 %) che il team di Allegri ha offerto. I viola sono raddoppiati anche sulla supremazia territoriale. 15′:55” per il Milan, mentre solo 7′:45” per i fiorentini. Supremazia rossonera che si è trasformata un indice di pericolosità nell’area avversaria pari al 51,6%. Poco più del 22% quella della Fiorentina. La fase offensiva milanista si è concretizzata nel primo tempo soprattutto per vie centrali, con numerosi guizzi provenienti dalla sinistra. Mentre nella seconda frazione di gioco c’è stata una bella lotta a centrocampo. In questo settore del campo spicca la prestazione di Ambrosini. Sono ben 31 le palle recuperate dal capitano rossonero. A seguirlo due difensori, Nastasic (28) e Thiago Silva (27). Viceversa, per ciò che riguarda i passaggi giunti a termine i dati non possono non far preoccupare Delio Rossi. 54% contro il 73% dei rossoneri. Infatti i più precisi del match sono Antonini (74) e Thiago Silva (72). Nonostante i pochi cross ricevuti, è comunque Zlatan Ibrahimovic l’attaccante che ha più volte concluso a rete. Ben 6 i tentativi dell’asso svedese. In ogni caso più di tanti numeri è da ricordare il gol regolare annullato a Clarence Seedorf che – a conti fatti – avrebbe potuto regalare al Milan la sesta vittoria consecutiva. Una clamorosa svista della terna arbitrale che fischia un fuorigioco inesistente e condiziona la gara, che il Milan però ha fatto troppo poco (negli ultimi undici metri) per vincere davvero. Infine, da annotare sul taccuino i quattro cambi avvenuti nella ripresa: la Fiorentina ha sostituito Cerci e Munari con Santiago Silva e Kharja, mentre il Milan ha tolto Seedorf e Robino per Emanuelson e Pato (che ha colto un palo con un tiro che avrebbe potuto avere miglior fortuna e su cui è stato commesso un sospetto fallo da rigore). (Francesco Davide Zaza)





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori