CALCIOMERCATO/ Milan, Cordolcini (Guerin Sportivo): Eriksen è pronto, può essere l’erede di Pirlo (esclusiva)

- La Redazione

Christian Eriksen è sicuramente uno dei giovani talenti più forti del panorama europeo. Il giovane danese, classe 92′, è in forza all’Ajax. Ne abbiamo parlato con Cordolcini.

allegri_galliani_R400_3apr11
Allegri e Galliani (Foto: ANSA)

Christian Eriksen è sicuramente uno dei giovani talenti più forti del panorama europeo. Il giovane danese, classe 92′, è in forza all’Ajax, una garanzia in fatto di giovani promesse. La squadra olandese sembra voler ritornare la macchina sforna talenti degli anni 90′. Eriksen piace molto al Milan, Braida lo ha visionato spesso e molti addetti ai lavori ne parlano bene. L’Ajax non vorrebbe cederlo ma quando a 19 anni si è già così bravi ci sono molti club importanti che sono pronti a portartelo via. Nell’ultima partita di Champions League contro la Dinamo Zagabria il giocatore danese ha mostrato grandi doti tecniche mandando in rete con il tacco per ben due volte i suoi compagni di squadra. I rossoneri vorrebbero prenderlo a gennaio ma i Lancieri non sembrano così convinto. Ma tatticamente che giocatore è Eriksen? Lo abbiamo chiesto ad Alec Cordolcini, giornalista e collaboratore del Guerin Sportivo e della Gazzetta dello Sport, grande esperto di calcio olandese.

Eriksen nel mirino del Milan, a 19 anni è già pronto per il calcio italiano?

Secondo me si perchè siamo di fronte a un ragazzo sicuramente giovane anagraficamente ma già con tante esperienza internazionale alle spalle. Ha giocato un Europeo Under 21, è stato convocato dalla Danimarca ai Mondiali sudafricani del 2010 e ha già alle spalle match di Europa League e Champions League.

Tatticamente dove può essere collocato?

E’ un giocatore molto duttile, nell’Ajax spesso gioca nel trio di centrocampo nelle vesti di playmaker dietro al tridente. Ma sempre nei Lancieri ha giocato come esterno d’attacco.

Il suo ruolo preferito quale è?

A lui piace giocare dietro le punte, ovvero come trequartista, è il ruolo ideale per lui, perchè ha tecnica e visione di gioco.

Il Milan potrebbe ritrovarsi con un nuovo Pirlo?

E’ una bella scommessa, per il momento nessuno ha pensato a Eriksen come regista davanti alla difesa ma potrebbe farlo perchè ha le qualità giuste, anche se in Olanda lo paragonano a un altro giocatore…

A chi?

A Litmanen, ex giocatore finlandese dell’Ajax, altro giocatore che aveva tanta qualità.

Il Milan lo vorrebbe a gennaio, è possibile?

Molto difficile perchè l’Ajax vorrebbe qualificarsi agli ottavi e sperare di andare avanti in Champions League ma soprattutto recuperare in campionato visto che è indietro. Non credo che l’Ajax si privi di lui così presto.

Parlando di valutazioni, quanto costa Eriksen?

Non credo abbia un costo elevato, penso tra gli 8 e i 9 milioni di euro…

Parlando di Ajax, ci sono altri talenti da sponsorizzare alle italiane?

Ci sono due attaccanti molto bravi. Il primo è Kolbeinn Sigþorsson, attaccante islandese classe 90′ che è una punta stile Ajax, ovvero brava tecnicamente e molto mobile. L’altro è il compagno di reparto Derk Boerrigter che nella scorsa stagione giocava nell’Rkc Waalwijk e oggi ha scalato posizioni nell’Ajax ed è diventato molto importante.

In Italia sta faticando molto Castaignos, altro talento del 92′ che in Olanda paragonavano a Henry…

Sono rimasto impressionato negativamente da Castaignos perchè nell’Inter, nelle rare volte in cui è stato chiamato in causa, è sembrato molto spaventato, quasi impaurito. Onestamente non pensavo potesse accadere una cosa del genere.

Un monito per il Milan per non acquistare subito Eriksen?

Nessun paragone anche perchè Eriksen ha tante esperienza internazionale rispetto a Castaignos che comunque pensavo fosse pronto per il calcio italiano.

Un altro olandese in difficoltà in Italia è Elia…

Bisogna stare attenti a valutare le cose perchè Elia è da un paio di anni che sta deludendo molto, sembra sia entrato in una spirale negativa. Nell’Amburgo fece bene al primo anno ma poi ha avuto sempre problemi anche con il tecnico. E’ una scommessa rischiosa…

 

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori