CALCIOMERCATO/ Milan, Tevez dice no al Psg e si ri-avvicina: o rossonero o City

Carlitos Tevez dice no al Paris Saint Germain. Non vuole incontrare i parigini rimanendo fedele alla propria linea rossonera. Galliani rimane fiducioso e non modifica la propria proposta

14.12.2011 - La Redazione
Tevez_r400_4ott10
Tevez, foto Ansa

CALCIOMERCATO – Il rapporto fra il Manchester City e Carlitos Tevez sarà probabilmente burrascoso fino ai saluti finali. L’Apache non ha assolutamente intenzione di agevolare la dirigenza del City e lo si capisce da quanto accaduto nelle ultime ore. Il nazionale argentino ha infatti detto no all’offerta presentata dal Paris Saint Germain visto che vuole solo il Milan e non ha alcuna intenzione di incontrare la dirigenza dei francesi nonostante il pressing di Leonardo. La conferma arriva dall’amministratore delegato rossonero Adriano Galliani: «So che l’agente di Tevez ha incontrato il City e ha ribadito che il suo assistito non accetta altre soluzioni oltre il Milan». Si mormora che Kia Joorabchian, il noto procuratore dell’attaccante, abbia riferito la questione al City e la conclusione sarebbe «Allora resta qui», con replica «Ok, nessun problema». Chiaro che si tratti semplicemente di una reciproca provocazione. Il Manchester City ha bisogno assoluto di cedere Tevez per alleggerire il bilancio disastroso della società e nel contempo lo stesso giocatore sa che rimanendo all’Etihad Stadium farebbe solamente tribuna e sprecherebbe mesi della propria carriera inutilmente. La linea del Milan, dopo l’offerta dei transalpini, è quella di attendere l’evolversi dei fatti, fiduciosi. Dalla loro parte vi è infatti la forte volontà del giocatore che, pronto a rinunciare a parte dello stipendio, intende rimettersi in gioco in una favolosa realtà come appunto quella rossonera. Il Milan, dal suo canto, non intende alzare di un euro la propria proposta di 23 milioni di euro per il prestito con diritto di riscatto nonostante si mormori che il club di Al Thani abbia proposto agli inglesi ben 28 milioni di euro, 5 in più rispetto all’offerta italiana. Anche la proposta al giocatore non cambia, ed è ferma sui 5 milioni di euro netti a stagione più bonus fino al 2015, a fronte di 6 milioni dei transalpini. Tevez non ha assolutamente intenzione di vestire la casacca di una squadra “in costruzione” come quella parigina e propende invece per un club sicuro come il Milan. L’operazione rispecchia in tutto e per tutto quella di Ibrahimovic dell’estate 2010.

Anche all’epoca lo svedese dovette scegliere fra il City (che era un cantiere) e il Milan, optando per i meno remunerativi ma più sicuri rossoneri.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori