CALCIOMERCATO/ Milan, Tevez: è il grande giorno, l’incontro scatta a pranzo

- La Redazione

Oggi a pranzo si terrà il famoso faccia a faccia fra il Manchester City e il Milan per parlare di Carlitos Tevez: i Citizens aprono all’ipotesi prestito ma con l’obbligo di riscatto

Tevez_r400_4ott10
Tevez, foto Ansa

CALCIOMERCATO – Entra finalmente nel vivo la trattativa fra il Milan e il Manchester City per Carlitos Tevez. Dopo giorni di chiacchiere, indiscrezioni, rumors più o meno veritieri e e-mail confermate e poi smentite a pranzo si ritroveranno faccia a faccia le due società per discutere del futuro del nazionale argentino. Non ci sarà l’amministratore delegato Adriano Galliani, chiaro indizio che la trattativa non è ancora nella sua fase caldissima. A rappresentare i campioni d’Italia in carica vi sarà infatti il fido braccio destro dell’ad, il ds Ariedo Braida. Tra l’altro il numero 2 di via Turati è partito ieri sera per il Brasile e seguirà tutta la vicenda via telefono. Presente al tavolo, naturalmente, anche il noto agente Kia Joorabchian, nonché l’agente Fifa, Giuseppe Riso, l’intermediario dell’operazione. A discapito delle dichiarazioni di facciata, soprattutto di Roberto Mancini (“Non cediamo il giocatore in prestito”), pare esserci stato un lieve avvicinamento fra i due club nelle ultime ore. Il City ha infatti mandato segnali di apertura ai rossoneri per quanto riguarda il tipo di trasferimento “temporaneo” e Galliani punta a sfruttarli a modo. Il punto essenziale è però l’obbligo di riscatto, condizione fondamentale perché l’operazione vada in porto. Il Milan, invece, insiste sul diritto di riscatto fissato a 24 milioni di euro. Nel frattempo si registrano positive novità dal fronte transalpino. Il Paris Saint Germain, dopo il tentativo di disturbo degli ultimi giorni, pare aver abbandonato definitivamente l’idea, per virare su Hulk, bomber brasiliano del Porto che potrebbe lasciare il club lusitano dopo l’eliminazione dalla Champions League. Un’indiscrezione confermata anche dal dirigente Leonardo che ha voluto così mandare rassicurazioni all’amico Galliani. Un cambio di rotta che si è reso quasi obbligatorio visto che lo stesso Tevez non ha voluto mai neanche sentir sussurrare la proposta messa sul piatto per lui dalla società parigina. Di conseguenza il PSG ha deciso di non perdere altro tempo su questo fronte dedicandosi quindi ad altre ipotesi. Altro elemento a favore del Milan, Fernando Torres, ipotesi ventilata nella giornata di ieri. Il Chelsea ha aperto alla partenza del campione del mondo spagnolo e di conseguenza Braida si presenterà al tavolo con un asso nella manica mettendo ulteriori pressioni allo sceicco Mansour.

A margine del bailame va registrato l’allontanamento di Maxi Lopez da Milanello, proprio per i motivi di cui sopra. L’argentino è in attesa di una chiamata di una big che potrebbe però non essere quella del Milan.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori