MILAN-TOTTENHAM / Stampa inglese scatenata: milanisti mafiosi!

Duro attacco dei media d’oltremanica

16.02.2011 - La Redazione
Jordan_joe_gattuso_R400_16feb11
Joe Jordan e Gattuso a muso duro

Il giorno dopo Milan-Tottenham la stampa inglese non perde occasione per scagliarsi pesantemente contro la squadra italiana, soprattutto per il comportamento di Rino Gattuso e il brutto fallo di Flamini su Corluka.

“Nutters-Heroes 0-1”. Matti-Eroi 0-1, è il titolo eloquente del The Sun, che definisce la squadra di Allegri “Milanimals”. Ma qui restiamo sul tenero. C’è chi ci dà decisamente più dentro nel paese britannico.

Ecco per esempio il commento del Daily Mail: “I mafiosi del Milan ci hanno fatto diventare tutti tifosi del Tottenham”. Un insulto pesante, tipicamente usato per etichettare gli italiani quando sbagliano. Il fallo (duro) di Flamini su Corluka diventa “il tackle più scandaloso degli ultimi tempi”. E sì che nella Premier League entrate del genere non sono poi una rarità. Per il tabloid inglese a San Siro, “la Scala del calcio”, è andata in scena “una pantomima di villani”.

Anche il Times ci va giù pesante, elogiando però il Tottenham. “Una squadra capace di non cadere nelle provocazioni, risoluta e pragmatica in uno degli stati più intimidatori d’Europa (l’Italia ndr), una squadra matura, ordinata, compatta, che si era meritata tutti i complimenti ancor prima del gol di Peter Crouch ispirato da Aaron Lennon”.

MILAN-TOTTENHAM, LE REAZIONI DELLA STAMPA INGLESE, CLICCA QUI SOTTO PER CONTINUARE

E poi veniamo a Ringhio Gattuso, definito un “capitano indegno”. Ecco che scrive il Guardian: “È stato imbarazzante, una vera disgrazia nella tradizione dei capitani rossoneri che comprende irreprensibili uomini di carisma come Paolo Maldini e Franco Baresi”.

 

Ma i giudizi negativi erano cominciati già in tv. L’ex calciatore della Sampdoria Graeme Souness (compagno di nazionale di Joe Jordan) nel commentare la gara ha definito Gattuso “un cane”. E poi ha continuato: “Vorrei solo chiuderlo 10 minuti in una stanza da solo con Joe Jordan. In realtà non servirebbe tutto questo tempo, ne basterebbero cinque”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori