CHAMPIONS LEAGUE/ Milan sotto choc, squalifica pesante per Gattuso!

- La Redazione

L’agente del rossonero: «Una pena eccessiva»

gattuso_R375x255_09dic08
Gennaro Gattuso, centrocampista Milan (Foto Ansa)

CHAMPIONS LEAGUE – La tanto attesa quanto annunciata squalifica a Rino Gattuso, in seguito alla “rissa” con Joe Jordan è arrivata. La Uefa ha usato la mano pesante punendo il centrocampista rossonero con 4 turni di squalifica più uno per diffida. In totale fanno quindi 5 giornate di stop e il giocatore del Milan potrebbe tornare a calcare i campi da gioco soltanto per l’eventuale finalissima di maggio. Una sanzione shock, arrivata un po’ a sorpresa dopo che una fonte molto vicina alla Uefa, nelle ore successive al fattaccio, aveva annunciato che la posizione di Gattuso si era notevolmente ridimensionata in positivo.

«Gennaro è un uomo e rispetta le parole date. Aveva detto che non avrebbe fatto ricorso dopo la sentenza e così sarà – ha precisato l’agente, Andrea D’Amico, su Radio Sportiva – ma mi sembra eccessiva la pena voluta dall’Uefa anche perchè Gattuso, dopo quanto accaduto, si è immediatamente scusato, resosi conto di aver esagerato. Nessuno, però, ha detto mezza parola su quelle che sono state le accuse indecenti rivolte a Gennaro dopo la lite in campo con Jordan e anche durante. Così non ci va bene anche perchè abbiamo letto di tutto sui “tabloid” inglesi che hanno sicuramente influenzato il verdetto. Dalla definizione di “cane” a “mafioso”. Questo non va bene ma nessuno lo dice. Il colpevole, l’“uomo nero” è stato trovato con estrema semplicità».

D’Amico ha aggiunto: «La Uefa in altre occasioni aveva sanzionato sia la provocazione che la reazione. Questa volta non è stato così. Comunque Rino non ha fatto male a nessuno. Già domenica scorsa a Verona, incampionato, ha dimostrato che quello che è accaduto fa parte del passato. Rino è molto dispiaciuto per la società e per i tifosi. Quello che è accaduto nei giorni seguenti la gara con il Tottenham è stato peggio rispetto a quello che era successo in campo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori