CALCIOMERCATO/ Milan, Ibrahimovic: è addio?

- La Redazione

E’ in dubbio la permanenza di Ibrahimovic in quel di Milanello. Il Milan starebbe infatti meditando con attenzione il da farsi deluso dalle prestazioni dell’ex attaccante del Barcellona

ibrahimovic_milan_R375x255_3set10
Zlatan Ibrahimovic (Milan)

CALCIOMERCATO MILAN – E’ in bilico la permanenza di Zlatan Ibrahimovic in quel di Milanello. Il Milan starebbe infatti meditando con attenzione il da farsi deluso dalle prestazioni recenti e negative dell’ex attaccante del Barcellona. Lo svedese, dopo un inizio di stagione davvero esaltante, in cui ha trascinato per mano la squadra in campionato quanto in Champions, si è via via perso, venendo a mancare nel momento chiave. Ibra non segna da circa due mesi su azione, al di la della rete su rigore contro il Napoli, ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso, la doppia espulsione rimediata contro Bari e Fiorentina, la prima, per manata a Marco Rossi, la seconda, per insulti al guardalinee.

Due figuracce e due comportamenti gravi che in via Turati non possono tollerare. Per completare il quadro della situazione, e renderlo più grave, non si può dimenticare la fase di stagione, decisiva per la conquista dello scudetto. Ibrahimovic deve infatti sperare che a Pato o Robinho non venga qualche “raffreddore” perché a quel punto la situazione potrebbe seriamente compromettersi. Nel frattempo si sono diffuse nel pomeriggio di ieri delle dichiarazioni, additate al presidente Silvio Berlusconi, «Era partito bene ma non segna da tanto… era appena rientrato e si è fatto espellere di nuovo. Forse ho buttato i soldi…», prontamente smentite da un comunicato apparso sul sito web ufficiale: «L’agenzia di stampa Dire riporta virgolettati di Silvio Berlusconi sul Milan e su Zlatan Ibrahimovic totalmente falsi e infondati. Si tratta di giudizi che secondo la Dire sarebbero stati raccolti da “chi lo ha sentito nelle ultime ore”. In realtà nessuno può aver sentito dire da Berlusconi quelle parole, semplicemente perchè non sono state mai pronunciate».

Il sospetto comunque rimane e a fine stagione tutto può succedere, anche che al Milan venga un “mal di pancia”…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori