DIRETTA/ Milan-Sampdoria (Serie A): segui e commenta la partita live in tempo reale

- La Redazione

Milan-Sampdoria è una sfida importante per il prosieguo del campionato, sia per quel che riguarda l’alta classifica che la zona retrocessione. Il Milan non può sbagliare, ma la Samp…

allegri_milan_R375x255_21set10
Massimiliano Allegri (Foto: ANSA)

Milan-Sampdoria è una sfida davvero importante per il prosieguo del campionato, sia per quel che riguarda l’alta classifica che la zona retrocessione. Il Milan a quota sessantotto punti non può sbagliarne una, pena il raggiungimento da parte degli inseguitori, decisamente in palla. La Sampdoria, dal canto suo è a un solo punto dalla zona retrocessione, che si avvicina pericolosamente partita dopo partita. Per i medesimi motivi, se Milan-Sampdoria si concludesse con un pareggio sarebbero due punti che sia i rossoneri che i blucerchiati potrebbero rimpiangere amaramente…

Il Milan di Massimiliano Allegri si presenta in questa serata di San Siro con la nota assenza di Ibrahimovic per squalifica (salterà tre turni) e le indisponibilità causa infortunio di Jankulovski, Inzaghi, Ambrosini, Bonera e Nesta. Allegri sembra insenzionato a ritoccare molto poco l’undici titolare schierato a Firenze, dato che la squadra è piaciuta per equilibrio di gioco e carattere. Confermatissimo quindi Clarence Seedorf che in queste ultime partite si sta togliendo tante soddisfazioni personali (e per la squadra) e non vorrà perdere l’occasione di farlo proprio tra le mura non sempre amiche di San Siro. In avanti il vuoto lasciato da Ibrahimovic sarà probabilmente colmato da Robinho e non dal neo-papà Cassano, mentre si completa la staffetta dei faticatori a centrocampo tra Flamini e Gattuso. In difesa Yepes sostituirà Nesta, mentre la fascia sinistra andrà ancora una volta quasi certamente a Zambrotta. Ecco quindi con ogni probabilità da chi sarà composto il 4-3-1-2 rossonero: Abbiati tra i pali, Abate, Thiago Silva, Yepes e Zambrotta in difesa, Gattuso, Van Bommel, Seedorf a centrocampo, Boateng, Pato e Robinho in avanti.
La Sampdoria di Cavasin recupera Gastaldello e si prepara alle barricate schierandosi con un 3-5-2 che lascia poco spazio all’immaginazione su come si cercherà di interpretare la gara. Esterni di difesa alti pronti a scalare per creare un muro a cinque uomini davanti alla porta di Curci e con Palombo frantumatore di gioco aggiunto che lascerà il compito di lanciare in contropiede Maccarone e – probabilemnte – Biabiany. Squalificato Mannini, Cavasin deve fare a meno anche di Semioli (ancora due mesi di infortunio per lui) e Lucchini. “Non abbiamo nulla da perdere e tutto guadagnare. Giocare a mente libera potrebbe essere un vantaggio, ma dovremo essere determinati e tenere alta la concentrazione per tutta la gara”. Così Alberto Cavasin sgombra i fantasmi dalle teste dei suoi giocatori e cerca di caricare l’ambiente e tra le righe svela quella che sarà la chiave tattica del match. Cavasin infatti vuole vedere il Milan costretto a schierare tutti i suoi attaccanti, il motivo? Semplice, vorrà dire che per strappare il risultato i rossoneri avranno disperato bisogno di far gol. Ma ora la parola val al campo, perché Milan-Sampdoria sta per cominciare…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori