CALCIOMERCATO/ Milan, esclusiva Ruiu: lo scudetto ritagliato? Lo rifarei! Il grande colpo sarà Balotelli

- La Redazione

CRISTIANO RUIU noto telecronista rossonero commenta il ritorno della semifinale di Coppa Italia e alcuni rumors di mercato che vedono coinvolta la società di Via Turati

allegri_milan_R400_28feb11
Allegri (ansa)

Cristiano Ruiu come Gennaro Gattuso. Il noto giornalista di Telelombardia, tifoso del Milan, è al centro delle polemiche per aver tagliato la maglia dell’Inter in diretta assieme al “compagno d’avventura” Vito Elia, allo scopo di “scucire” lo Scudetto ai nerazzurri e attaccarlo sulla maglia del Milan. Un gesto che ha scatenato le polemiche di tanti tifosi nerazzurri. Ruiu, in esclusiva a Ilsussidiario, ha parlato di questo gesto raccontando anche alcuni spiacevoli episodi, ma ha anche un grande colpo di mercato del Milan per la prossima stagione.

Quel siparietto con la maglia dell’Inter tagliata in diretta ha crato molte polemiche, quale è il tuo pensiero?

E’ stato solo un gesto goliardico, un siparietto che facciamo sempre in studio. E’ già successo altre volte con il collega Chirico.

Cioè?

Durante il match d’andata di Milan-Brescia Chirico (noto tifoso della Juventus), esasperato dal sottoscritto, ha tagliato la bandiera del Milan. Ci siamo messi a ridere perchè nessuno ha voluto mancare di rispetto alla sacralità della maglia, stesso dicasi per il mio gesto di sabato sera. Il problema è un altro.

Quale?

Che molti tifosi dell’Inter hanno usato qualche sito per sfogare i propri pensieri e qualche collega ha subito preso la palla al balzo per creare questa polemica. Ma sono pronto a rifare questo gesto.

Quando?

Se dovessimo vincere la Coppa Italia farei il gesto di scucire la coccarda della Coppa Italia e attaccarla sulla maglietta del Milan. Tra l’altro mi sono anche fatto male perchè non sono bravo a cucire…

I tifosi nerazzurri hanno inviato molte proteste anche a Telelombardia…

Certamente, ma ripeto la colpa è stata di tutti coloro che hanno voluto fare polemica. Tra l’altro io ho ricevuto messaggi offensivi in particolare contro la mia famiglia e specialmente mia madre, non solo, anche minacce di morte. Insieme a Teleombardia agiremo per vie legali. Tra l’altro nel gesto del “taglio” dello Scudetto c’è anche un qualcosa di storico.

 

In che senso?

Questo è un gesto fatto nel 1955 dall’attaccante del Milan Nordahl nei confronti del compagno di Nazionale e giocatore dell’Inter Skoglund. Solo in quell’occasione il Milan ha scucito lo Scudetto dalle maglie dell’Inter e io ho voluto ripetere quel gesto.

 

Anche Gattuso è al centro delle polemiche dopo il coro nei confronti di Leonardo, che idea ti sei fatta?

Il gesto di Gattuso lo catalogo tra gli eccessi dovuti ai festeggiamenti. Onestamente ho trovato più grave il gesto fatto da Ambrosini qualche anno fa quando esibì quello striscione perchè Massimo (Ambrosini, ndr) doveva aspettarsi di essere ripreso pubblicamente. Gattuso invece è stato ripreso da un tifoso, però anche lui ha sbagliato. Sono d’accordo con quanto detto da Galliani: è stato un peccato veniale.

 

Tra Gattuso e Leonardo non c’è mai stato un grande rapporto, perchè?

Non ci sono grandi retroscena, semplicemente Leonardo non ha mai visto Gattuso funzionale al suo progetto tattico.

 

La Figc ha aperto un fascicolo sul gesto di Gattuso…

Mi sembra ovvio, visto che i giornali parlano più del coro di Gattuso che dello Scudetto del Milan e perchè l’Inter ha dato ampio risalto addirittura con la risposta di Leonardo. Invece di aprire nuovi fascicoli forse la Figc dovrebbe chiuderne qualcuno.

 

Spesso però alcuni sfottò rischiano di degenerare come successo nel match tra le squadre giovanili del Garlasco e del Motta Visconti, con alcuni “tifosi” che hanno offeso la memoria di Chiara Poggi…

Io dico sempre che purtroppo la gente non riesce a capire fin dove deve spingersi il tifo. Noi a Telelombardia abbiamo sempre massimo rispetto di tutti gli tifosi, infatti ho ricevuto tanti messaggi d’affetto dai miei colleghi e anche da tifosi dell’Inter. Io sono schifato da questi cori e anche da quelli che offendono i morti dell’Heysel, o lo schianto del Grande Torino, le offese al tifoso genoano Spagnulo.

 

Il Milan affronterà il Palermo nel ritorno delle semifinale di Coppa Italia, un trofeo che i rossoneri vogliono vincere..

Lo testimonia il fatto che Allegri ha voluto rimanere a Roma invece di festeggiare a Milano. Tuttavia a Palermo sarà difficile perchè il Milan non vince da quattro anni e ci sono alcuni acciaccati.

 

 

Giocheranno Ibrahimovic e Boateng?

Si entrambi saranno della partita, il dubbio rimane l’impiego di Nesta.

 

Boateng-Milan, sembra ci sia anche l’Inter sul giocatore, che succede?

Niente di serio, sono schermaglie di mercato, ma esiste una scrittura privata che prevede l’esborso economico di 5 milioni di euro da parte del Milan nei confronti del Genoa.

 

Taiwo e Mexes sono stati ufficializzati, ma chi sarà il grande colpo di Berlusconi?

Ganso subito, mentre a fine agosto arriverà Balotelli.

 

A proposito di Ganso, ieri Braida ha smentito il possibile arrivo del brasiliano, semplice tattica?

Il Milan non vuole fare errori nella vicenda Ganso. Si monitora il giocatore, che tra l’altro si è infortunato, ma soprattutto si tende a non rompere i contatti con il Santos, che è apparso molto infastidito dalle voci di un interessamento del Milan. Ecco spiegato il motivo delle parole di Braida.

 

Questione rinnovi, chi resta e chi parte…

Ieri Galliani si è lasciato scappare qualcosa, ha detto che Boateng sarà il trequartista titolare della prossima stagione e il sostituto naturale sarà Seedorf. Vicino al rinnovo anche Ambrosini, un biennale in cui è stato spalmato l’ingaggio di un anno, vicino anche il rinnovo di Nesta, mentre a Inzaghi verrà dato un anno in più di contratto come premio. Difficile la posizione di Pirlo che io considero assieme a Rivera e Donadoni il giocatore che ha acceso la luce del gioco nella storia del Milan. Ma purtroppo si tratta soprattutto di problemi tattici.

 

In che senso?

Pirlo vorrebbe giocare davanti alla difesa, ma in quel ruolo c’è già Van Bommel. Allegri vorrebbe impiegarlo interno sinistro ma Pirlo non vuole, per questo credo vada via a fine stagione.

 

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori