CALCIOMERCATO/ Milan Napoli, Galliani: Non vogliamo Hamsik

L’ad del Milan Adriano Galliani ha detto di non volere Hamsik. De Laurentiis oggi aveva tuonato contro il club rossonero ma il Diavolo, a quanto sembra, cercherebbe altri giocatori.

26.05.2011 - La Redazione
marek_hamsik_r400
Marek Hamsik (Foto: ANSA)

“Noi non vogliamo Hamsik”. Lo ha dichiarato oggi nel tardo pomeriggio Adriano Galliani, uscendo dagli uffici della Lega Calcio, al termine della riunione sui diritti tv. La querelle tra Milan e Napoli per lo slovacco è appena iniziata ma già si registrano le prime schermaglie tra le parti. Sempre oggi De Laurentiis aveva tuonato all’indirizzo della società rossonera: “Noi non siamo un supermercato, al massimo una gioielleria. Berlusconi, fino a prova contraria, mi conosce ed eventualmente mi chiama”. Il patron azzurro è stato chiaro: non vendo i miei gioielli, vale per Hamsik come per gli altri giocatori della rosa azzurra. Difficile che il Milan, a cui lo slovacco piace, al di là delle smentite di rito, si arrenda così facilmente. ‘Marekiaro’, come viene soprannominato a Napoli, non è comunque l’unico candidato al ruolo di nuova mezzala sinistra nel Milan. Tra i papabili, ci sarebbe anche gente di altissimo livello come Fabregas o Bale o emergenti come il ghanese Asamoah.

A proposito dello spagnolo Galliani ci ha tenuto però a precisare: “Giocatori come Fabregas sono troppo costosi e bisogna scovarli prima, non si possono andare a prendere nelle grandi società. Una dirigenza illuminata deve fare come abbiamo fatto noi con Kakà”. Sugli altri obiettivi: “Asamoah e’ una mezz’ala sinistra, ma anche Hamsik e Fabregas possono giocare in quel ruolo, come Bale. Pastore no. Ganso? No, lui non è una mezz’ala sinistra”. Infine su Cassano e Seedorf: “Cassano rimane perché ha un contratto fino al 2014: non ha mai detto che ha problemi con il Milan, nè il Milan ne ha con Cassano. Seedorf? Con Clarence abbiamo parlato, è una persona intelligente ed in gamba. Abbiamo trovato dei punti di unione, quindi e’ rimasto”.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori